Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

A
A
A
di Andrea Telara 3 Settembre 2018 | 09:14
Secondo un articolo di Ftfm, inserto del Financial Times dedicato all’asset management, il numero di persone del settore finanziario che lavorano nel Granducato è cresciuto del 10%.

Una crescita del 10% in un anno. E’ quella registrata nell’ultimo anno dal numero di persone che lavorano nell’investment management e che hanno la propria base in Lussemburgo. A riportare la notizia è Ftfm, l’inserto del Financial Times dedicato al risparmio gestito, che associa questo trend alla Brexit. L’incremento, secondo la testata britannica, si è verificato non appena molte case di gestione hanno messo in cantiere dei piani di emergenza per fronteggiare l’uscita del Regno Unito dall’Ue, che costringe i gruppi finanziari a muovere altrove la propria sede legale per avere il passaporto europeo. Le persone che lavorano in Lussemburgo nell’investment management sono oggi già 5mila ma quest’anno, secondo Nicolas Mackel, chief executive dell’associazione Luxembourg for Finance, potrebbe esserci quest’anno un ulteriore aumento dei trasferimenti verso il Granducato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X