Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

A
A
A

Esistono segnali che indicano la vicinanza a un punto di svolta

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti4 settembre 2018 | 11:30

Preparatevi: i mercati emergenti sono vicini a un punto di svolta. Come mai? Esistono tre chiari segnali e ce li racconta James Barrineau, Head of Emerging Markets Debt Relative di Schroders.

Storicamente, sono tre i segnali di vendita nel ciclo dei mercati emergenti che devono materializzarsi prima che gli investitori possano iniziare a comprare nuovamente l’asset class. Ebbene, sembra che due di questi siano già stati raggiunti.

  1. Rafforzamento del dollaro = vendere gli emergenti

Il dollaro statunitense si è rafforzato di oltre il 7,5% dal 16 aprile, mentre l’indice che traccia i bond sovrani degli emergenti denominati in dollari è in calo di circa il 4,9% da inizio anno e quello denominato in valuta locale perde circa il 9,5%.

  1. L’apprezzamento del dollaro crea turbolenze internazionali e tra gli emergenti = vendere gli emergenti

Ciò avviene quando i Paesi emergenti con i maggiori fabbisogni di finanziamento esterni, misurati principalmente dai deficit delle partite correnti, subiscono le pressioni del mercato. La Turchia e l’Argentina sono due di questi Paesi. I bond turchi denominati in dollari sono in calo di oltre il 15% e la lira turca di oltre il 25% da inizio anno. Contemporaneamente, i bond argentini denominati in dollari perdono oltre il 16% e il peso il 33%.

  1. La risposta politica affronta in modo intermittente lo stress da liquidità = vendere le ultime rimanenze di mercati emergenti

Ci siamo. L’Argentina ha ricevuto i finanziamenti del Fondo Monetario Internazionale e rinnovato l’impegno a livello di politica monetaria, riducendo la volatilità sul fronte valutario. La Turchia ha imposto delle restrizioni ai creditori turchi che utilizzano la lira nelle transazioni di scambio valutario, con l’effetto di aumentare i costi di trading per gli speculatori esteri e operare un giro di vite sugli investitori che shortano la lira. Ankara si è anche assicurata dei finanziamenti dal Qatar e ha promesso di implementare ulteriori misure fiscali.

L’Indonesia, seppur esclusa dall’occhio del ciclone, ha alzato i tassi di interesse per rallentare la crescita e affrontare proattivamente alcuni timori di mercato. I risultati sono incerti e i mercati faticano a trovare un equilibrio tra il migliorato quadro politico e il pessimo sentiment degli investitori. Nelle sole prime due settimane di agosto, l’indice dei titoli sovrani in dollari è sceso dell’1,7% e quello in valuta locale di oltre il 5%.

Il punto di svolta per gli emergenti in genere arriva dopo che questi tre primi punti si sono materializzati.

  1. Il punto di svolta: gli avvenimenti sui mercati sviluppati provocano una svolta nella liquidità = comprare gli emergenti

Se le turbolenze internazionali o tra gli Emergenti dovessero iniziare a impattare gli Stati Uniti a livello di fondamentali, allora la Federal Reserve farebbe intendere di voler rallentare il ciclo di inasprimento della politica monetaria. È questo che ha innescato la ripresa molto solida degli Emergenti a inizio 2016 e lungo tutto il 2017. Un rallentamento negli Stati Uniti esacerbato da un dollaro troppo forte o da una drastica correzione azionaria potrebbe avere un effetto analogo. Gli effetti negativi della guerra commerciale sugli Usa avrebbero anch’essi un impatto simile.

Quando arriverà la svolta? Il grande interrogativo consiste nella distanza tra il punto tre e il punto quattro. La misura delle vendite viste ad agosto, tuttavia, aumenta le probabilità perché i mercati aprano un margine di salvezza per gli investitori, fornendo alcune rassicurazioni a coloro che comprerebbero emergenti, nell’attesa che il punto 4 si materializzi. Come per molti punti di svolta, questo momento sarà probabilmente visibile solo col senno di poi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet AM: “La Fed? Una presenza che si fa sentire nell’asset allocation”

Asset allocation: le mosse estive sui bond

Syz Am, l’asset allocation è un rebus

Asset allocation: ecco perché sono meglio gli assicurativi dei bancari

Asset allocation: opportunità infrastrutture

Fondi: l’investimento (non fa) acqua

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Asset allocation: nel 2019 occasione commodity

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

Consulenti, rischi e opportunità per un 2019 dal portafoglio perfetto

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Invesco, portafogli per due scenari alternativi

Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

Asset allocation, bye bye bull market

Asset allocation, le opportunità europee

Asset allocation: in bond high yield we trust

Asset allocation alla prova del protezionismo

Consulenza, l’indecisione fa male al portafoglio

Consulenti, come costruire il portafoglio perfetto mentre guardi Diletta Leotta

Asset allocation, 3 motivi per sorridere e 1 per cautelarsi

Asset allocation, una questione di stile

Esma e Mifid 2, gli obblighi dei cf nel costruire i portafogli

Modelli di asset allocation alla prova del rialzo dei tassi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Iggo (Axa IM): attenzione alla duration più che al rischio di credito

Pictet AM preferisce l’high yield e il debito emergente in dollari

Etf, essere passivi è una scelta

Asset allocation, ancora cautela sull’azionario

Anima e Prima Sgr si danno alla chat

F3 World, diversificato e +50% in 2 mesi

Ti può anche interessare

Anche gli istituzionali bocciano il Btp Italia

Anche l’ultima speranza di riscatto è svanita. A voltare le spalle al Paese non sono stati so ...

Il Bitcoin torna sopra i 7mila dollari

intanto un ricercatore dell'università di Princeton lancia l'allarme: la pratica di produrre i Bitc ...

Tim, scoppia la pace tra Elliot e Vivendi

Doveva essere un cda da fulmini e saette, invece tra i due azionisti della tlc italiana scoppia la p ...