Sezioniamo la consulenza finanziaria

A
A
A
Avatar di Redazione 25 Settembre 2018 | 09:11
Analizziamo costi e benefici della professione

Quando si parla di consulenza finanziaria, al di là delle discussioni sui massimi sistemi che ne evidenziano la bontà, risulta utile, se si vuole parlare alla platea dei risparmiatori, chiarire quali siano i costi e i benefici concreti. Per farlo ci aiuta una interessante analisi a cura di Pierluigi Santacroce, consulente finanziario ideatore e responsabile allo sviluppo presso il portale Benessere Patrimoniale, sito dal quale è tratto l’articolo. Buona lettura.

Nell’ultimo periodo, sempre più spesso, mi sono posto questa domanda: -“I risparmiatori, necessitano di consulenza finanziaria?”- . Ad inizio 2017 ho pubblicato un articolo a riguardo che puoi leggere qui e continuo ritenere che il bisogno di una corretta “consulenza finanziaria” e della relativa “pianificazione finanziaria” sia sempre più evidente.

Un consiglio in materia è molto importante, ma deve essere coerente, condiviso e soprattutto deve aggiungere valore a ciò che si è fatto nel passato!

Il contesto dei tassi bassi, se non addirittura negativi, e le turbolenze che hanno attraversato i mercati di tutto il mondo negli ultimi anni, mettono al centro una necessità; quella di pianificare le proprie esigenze finanziarie con un professionista di fiducia. Il comportamento di alcune realtà, che attraverso i propri collaboratori o dipendenti hanno cagionato danni ai risparmiatori in palese conflitto di interesse, non ha aiutato a diffondere fiducia tra i risparmiatori ma il suggerimento di scegliersi un buon consulente resta valido.

Distinguere, tra il buono e il cattivo, naturalmente non è facile.

Negli Stati Uniti, per esempio, le banche non possono consigliare ad un cliente cosa scegliere tra un titolo di stato o un’azione ordinaria; ma una restrizione di questo tipo è corretta? Non sono gli operatori finanziari a detenere le informazioni che servono? Così come un paziente chiede al farmacista quale farmaco è corretto prendere tenendo conto dei possibili effetti collaterali, decisivo sarebbe fare un’analisi equivalente anche per quel che riguarda la propria situazione patrimoniale.

Privarsi della consulenza finanziaria significherebbe certamente eliminare gli eventuali problemi di conflitto di interesse ma non sempre i consigli che si ricevono sono scorretti o distorti.

Siamo sicuri che il costo della perdita dell’informazione non sia più elevato di quello relativo alla sua ricezione, anche se scorretta?

Il problema dell’educazione finanziaria nel nostro Paese è una realtà confermata da diversi sondaggi;  molti sarebbero i vantaggi nell’avvio di una campagna che aumenti le competenze dei cittadini in questo senso. I benefici supererebbero certamente i costi per approntarla e i risparmiatori saprebbero riconoscere chi detiene le informazioni e le utilizza in maniera corretta. Potrebbero pianificare finanziariamente meglio i loro personali obiettivi.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Robo advisor vs consulenti, Consob rivela quando il cliente preferisce gli umani

Consulenza, terremoto Google

Consulenza, quando un cognome ti condanna

Coronavirus, le reti si stanno dimostrando forti

Consulenza finanziaria: come gestire 4 clienti tipo durante l’emergenza coronavirus

Coronavirus, consulenti italiani ripartiamo insieme!

Consulente finanziario: 4 cose da non fare mai ai tuoi clienti

Consulenza finanziaria 2020: le sfide più importanti da affrontare

Consulenza finanziaria: 5 motivi per amare questa professione, oltre i guadagni

Consulenti e risparmiatori italiani, un rapporto fermo al palo

Consulente finanziario, i 3 motivi per convincere i clienti indecisi

Consulenza, ecco cosa vogliono i nuovi clienti private

8 abitudini di successo nella consulenza finanziaria

Consulenza finanziaria: pianificazione successoria, un argomento tabù per molti ricchi

Consulente finanziario: sette consigli per intraprendere la professione

Consulente finanziario: 4 cose che la gente vuole davvero da te

Consulenti finanziari, come avere successo: cosa non fare mai con i clienti

Consulenti, voi farete la fine dei dinosauri

Il lungo cammino dell’advisor: i portafogli raddoppiano

Consulenti, una chimera chiamata trasparenza dei costi

Consulenti a caccia di una legittimazione

Mediolanum: i numeri raccontati da Massimo Doris

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Ma quanto mi costi?

Consulenza? Sconosciuta. E non si vuole pagarla

Consulenza finanziaria, elogio della liquidità

La check list di buona advice

Consulenza finanziaria in semplicità

Consulenti, accelera la Vigilanza all’OCF

Mifid 2, big a Catania per parlare di educazione e consulenza

Mifid 2, il giorno dopo: all’ITForum big delle reti a confronto

NEWSLETTER
Iscriviti
X