Governo a muso duro con le banche

A
A
A

Di Maio passa all’attacco degli intermediari. Abi risponde

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti5 ottobre 2018 | 08:52

Tra gli elementi che andranno a comporre il “tesoretto” necessario alla prossima manovra, al di là delle discussioni sull’incremento del deficit, il governo ha previsto di ricavare un miliardo di euro quella che dovrebbe essere la riduzione dal 100 all’86% delle deducibilità degli interessi passivi. A riportarlo è un articolo di Andrea Pira su MF del 5 ottobre che evidenzia la diffidenza che una parte della maggioranza e del mondo pentastellato cova verso gli istituti di credito.

Aumentare la pressione fiscale sulle banche rischia tuttavia di rallentare e indebolire la crescita, ha messo in guardia il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli. Crescita che il governo, come scrive il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, nella lettera all’Unione europea di presentazione della nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza, prevede sarà all’1,5% il prossimo anno (superiore a qualsiasi altra stima), all’1,6% nel 2020 e all’1,4% nel 2021. Gli istituti sono rimasti spiazzati dalle indicazioni emerse sulla manovra. Non soltanto gli interventi sulle deduzioni degli interessi passivi, ma anche l’allungamento su più anni delle perdite legate alla svalutazione dei crediti deteriorati. “Non si tratta della riduzione o delle rimozione dei agevolazioni, ma di un costo di produzione”, ha ribadito il direttore generale dell’Abi, Giovanni Sabatini. Altro rischio: si potrebbe creare disparità con i concorrenti europei. Se attuate le misure andranno inoltre a incidere sul costo del credito, in un Paese nel quale, come ricordato dal direttore generale di Banca d’Italia Salvatore Rossi il peso delle banche continua a essere il 19% del totale delle passività d’impresa.

Una mano tesa verso l’esecutivo, continua Pira, arriva però da Intesa Sanpaolo. Il ceo Carlo Messina ha garantito che l’istituto non cambierà atteggiamento verso i titoli di Stati, ma “il legame con l’economia del Paese» si svilupperà con gli impieghi”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Esuberi e pressioni commerciali in banca, i sindacati in allarme

Spread, Abi lancia l’allarme

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Widiba, la tutela patrimoniale è on the road

Il “terzo incomodo” concorre alla radiazione di un ex Mediolanum

Fideuram, l’utile è in calo

Etf: le banche europee esposte per 140 miliardi

Frode fiscale: indagati 18 manager di Privat Kredit Bank

Una sola delibera e doppia radiazione di ex Finanza & Futuro

Le Traiettorie Liquide di Banca Generali

Societe Generale, talent scout nel fintech

Manovra, il governo cerca una difficile pace con la Commissione

Banche più sicure, ecco chi sono e come sceglierle

Banche italiane, oggi il verdetto degli stress test

Deutsche Bank, entra l’attivista Hudson Capital col 3%

Manovra, si studia un altro salva-banche

Credem mette nel mirino i grandi patrimoni

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Dal voto bruciati 200 miliardi degli italiani

Fondi: Fideuram, un nuovo comparto per il private

Banca Aletti, Varaldo nuovo a.d.

Manovra, e ora Moody’s boccia banche e aziende italiane

La scure di Credit Suisse sulle banche italiane

Credem sconta i problemi italiani

Manovra: per Ennio Doris è sbagliata dalla A alla Z

Fideuram, 50 anni e non sentirli

Il Giubileo straordinario di Fideuram visto dal veterano

Manovra, la pressione fiscale non scende

Salasso da 4 mld su banche e polizze

Manovra, stangata su banche e assicurazioni

Banche, si avvicina il novembre nero

Intrigo di ordini di bonifici, sospesa consulente

Ti può anche interessare

Banca Mediolanum, i certificates puntellano la raccolta

L’istituto guidato dall’ad Massimo Doris registra una produzione commerciale positiva con un mix ...

Cfds, opzioni binarie e speculazione, Esma entra a gamba tesa

Contract for difference, opzioni binarie e altri prodotti speculativi, l’utilizzo dei poteri di pr ...

Se il credito deteriorato si trasforma in bond

Emissione legata agli npl con scadenza nel 2023 e rendimento del 7% . ...