Nota al Def, via libera da Palazzo Madama e Montecitorio

A
A
A

Il testo ha ottenuto votazioni positive sia al Senato che alla Camera

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti12 ottobre 2018 | 10:16

Nella giornata di ieri sono arrivati i tanto attesi via libera dall’Aula del Senato e dalla Camera per la Nota di aggiornamento al Def che autorizza il governo allo scostamento del deficit programmato. Il testo ha ottenuto 161 voti favorevoli e 109 contrari in Senato mentre alla Camera, dove era necessaria la maggioranza assoluta, il risultato è stato di 331 sì e 191 no. Secondo quanto contenuto nella risoluzione di maggioranza, il deficit salirà al 2,4% nel 2019, per poi scendere al 2,1% nel 2020 e all’1,8% nel 2021.

Soddisfatto del risultato il premier Giuseppe Conte, che ha così commentato il passaggio parlamentare “Significa che il Parlamento italiano si è espresso e rappresenta la sovranità popolare. Siamo convinti di quello che stiamo facendo, siamo molto sereni e determinati. Qualche critica ci può essere, ma anche chiari segnali positivi, come quelli del ministro del Tesoro americano che conosce i fondamentali della nostra economia, che sono molto solidi”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Governo alle prese col nodo rimborsi

Governo, battibecco sulla crescita

Mattone di Stato in svendita

Ti può anche interessare

Assopopolari parla di Mezzogiorno

Mezzogiorno: cronache di un fallimento annunciato e di una possibile rinascita ...

Blue Financial Communication cresce con Finanzaoperativa.com

La piattaforma online entra a far parte del progetto della casa editrice nell’area digitale con il ...

LGIM prende Sandrin da BlackRock

Giancarlo Sandrin, analista finanziario certificato (CFA), è stato nominato country head Italia per ...