Nota al Def, via libera da Palazzo Madama e Montecitorio

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 12 Ottobre 2018 | 10:16
Il testo ha ottenuto votazioni positive sia al Senato che alla Camera

Nella giornata di ieri sono arrivati i tanto attesi via libera dall’Aula del Senato e dalla Camera per la Nota di aggiornamento al Def che autorizza il governo allo scostamento del deficit programmato. Il testo ha ottenuto 161 voti favorevoli e 109 contrari in Senato mentre alla Camera, dove era necessaria la maggioranza assoluta, il risultato è stato di 331 sì e 191 no. Secondo quanto contenuto nella risoluzione di maggioranza, il deficit salirà al 2,4% nel 2019, per poi scendere al 2,1% nel 2020 e all’1,8% nel 2021.

Soddisfatto del risultato il premier Giuseppe Conte, che ha così commentato il passaggio parlamentare “Significa che il Parlamento italiano si è espresso e rappresenta la sovranità popolare. Siamo convinti di quello che stiamo facendo, siamo molto sereni e determinati. Qualche critica ci può essere, ma anche chiari segnali positivi, come quelli del ministro del Tesoro americano che conosce i fondamentali della nostra economia, che sono molto solidi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Draghi, l’opportunità senza precedenti di investire nel futuro economico dell’Italia

Un compito difficile attende Mario Draghi

Autostrade per l’Italia, c’è l’accordo: i Benetton si “sacrificano” e Atlantia vola in Borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X