Malta, il 61% dei consulenti non supera l’esame sulle criptovalute

A
A
A
di Chiara Merico 26 Ottobre 2018 | 08:58
Solo 98 su 250 candidati sono riusciti ad ottenere il punteggio minimo, quindi il 61% non è riuscito nell’impresa. Un tasso deludente, che potrebbe incidere sui piani del governo.

Malta punta a diventare l’hub della blockchain, e in quest’ottica il governo dell’isola ha condotto un esame di conoscenza delle criptovalute per i professionisti finanziari che sperano di muoversi in questo campo. Il governo maltese sperava di ottenere un vantaggio concedendo la certificazione di agente ai professionisti finanziari che volessero espandere i loro servizi nella fascia cripto. Tuttavia, i risultati dell’esame condotto dalla Financial Services Authority (MFSA) di Malta potrebbero mettere a rischio i piani del governo. Solo 98 su 250 candidati sono riusciti ad ottenere il punteggio minimo, quindi il 61% non è riuscito nell’impresa. Un tasso deludente, che potrebbe incidere sui piani del governo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etp, da 21Shares il primo prodotto sulla blockchain Cosmos

Mercati: in arrivo i bividend. Ecco cosa sono

Mercati: il punto tecnico settimanale di Eugenio Sartorelli del 20/01/22

NEWSLETTER
Iscriviti
X