L’allarme di Artoni sui Btp

A
A
A
di Redazione 19 Novembre 2018 | 10:41
Il gestore di Impact Sim, ex Azimut, sconsiglia l’acquisto aggressivo di btp

Siamo verso la chiusura anno molto complicato per le azioni italiane e i Btp. “Fino a quando non sarà chiaro che i timori per il Paese sono infondati, gli stranieri penalizzeranno l’Italia”, sottolinea sulle pagine di Milano Finanza Fausto Artoni, fondatore di Impact Sim e ex storico gestore di Azimut. Come riporta il money manager, i mercati azionari europei sono certamente sottovalutati rispetto a quello Usa e le società quotate italiane a grande capitalizzazione lo sono di almeno un altro 20% in più per via del rischio-Paese, uno sconto che è visibile su utiliy, assicurazioni, banche e anche su diverse aziende del comparto industriale.

A chi in questo momento è tentato di comprare Btp sul mercato secondario, visto il crollo delle quotazioni e ricordando come andò nel 2011, quando poi nel giro di pochi mesi lo spread tornò a scendere dopo aver superato quota 500, Artoni risponde: «Oggi lo scenario è completamente diverso. Al limite, man mano che i prezzi scendono si possono incrementare le posizioni, ma non ci sono ancora le condizioni per essere aggressivi negli acquisti».

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut e Mamacrowd: al via il primo investimento del fondo Alicrowd

Azimut alla ricerca dell’X-Factor

Azimut, la raccolta non molla mai

NEWSLETTER
Iscriviti
X