Nsa, ecco l’indice “termometro” per le pmi italiane

A
A
A
di Matteo Chiamenti 22 Novembre 2018 | 14:36
Arriva l’indice annuale sullo stato delle PMI, realizzato dall’Ufficio Studi del Gruppo NSA in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna.

Un professionista della consulenza moderno deve rimane costantemente aggiornato sullo stato di salute delle realtà con cui si confronta, siano queste intermediari, clienti persone fisiche o imprese. Naturalmente servono i giusti strumenti in grado di fornire dati significativi. Uno di questi, nell’ottica delle prospettive che si possono aprire in termini di advisory diretta all’impresa, potrebbe essere quello che ci dice che le Pmi nel 2017 sono cresciute del 2,99%. A fornircelo è il nuovissimo Indice nsaPMIndex ’18, l’indice annuale sullo stato delle PMI, realizzato dall’Ufficio Studi del Gruppo NSA in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna.

Presentato oggi a Milano, dal Prof. Massimiliano Marzo dell’Università di Bologna e dal Dott. Gaetano Stio, Presidente del Gruppo NSA, l’Indice ha sintetizzato una complessa elaborazione concentrando la comunicazione su pochi elementi alcuni di immediata comprensione come dipendenti, crescita, liquidità, investimenti, ecc. servendosi di precisi indicatori, raggiungendo così l’obiettivo di far conoscere a chiunque, con sintetica chiarezza, lo stato di un settore dell’economia italiana che rappresenta il 50% del PIL e oltre l’80% dell’occupazione.

L’indice nsaPMIndex ha cadenza annuale, ma sarà assistito trimestralmente dalla pubblicazione del “sentiment” fornito dalle imprese partner con NSA dell’Indice. L’indice ’18 base 100 è il valore base elaborato e fissato per il 1° gennaio 2018.  Se, ad esempio, la base 100 fosse stata calcolata e fissata per il primo gennaio 2017, il valore del 2018 sarebbe stato 102,99, cioè le PMI nel 2017 hanno performato positivamente del 2,99%.

L’elaborazione dell’Indice ha richiesto una complessa analisi per individuare i fattori determinanti ed il relativo peso. La Tabella seguente esplicita i risultati della ricerca sperimentale ed i valori attribuiti ai diversi fattori in ordine di importanza.

La Tabella successiva esemplifica come di anno in anno sarà aggiornato l’Indice tenendo conto delle variazioni intervenute in tutti i singoli fattori, valutati tutti questi 100 per il 2016 il risultato è

Sarà possibile, a breve, consultare l’indice complessivo e numerose declinazioni settoriali e geografiche dello stesso alla pagina www.nsapmindex.it

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, la view di Carmignac per i prossimi mesi

Banca Mediolanum, ecco gli obiettivi di reclutamento per il 2022

Asset allocation: l’evoluzione del digitale tra cloud, gaming e metaverso

NEWSLETTER
Iscriviti
X