Spread in calo dopo l’apertura italiana all’Europa

A
A
A

Le dichiarazioni del Governo placano l’ascesa del differenziale

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti26 novembre 2018 | 10:22

Il muro italiano sembra vacillare. E’ un’apertura incrociata all’Unione Europea quella che arriva dalla maggioranza di governo. Dopo che il vicepremier Matteo Salvini, aveva dichiarato alle agenzie che la manovra è un problema di decimali, ma di serietà e concretezza, gli ha fatto da coro il collega Luigi di Maio.

Per l’altro vicepremier se il governo dovrà limare al ribasso il target deficit/Pil 2019 contenuto nella manovra – come chiede l’Unione europea – non è un problema perché quel che conta sono le misure per i cittadini. Nell’attesa di capire quali potrebbero essere i correttivi applicati alla manovra, intanto lo spread Btp/Bund si è portato in giornata sotto 290 punti, segnando un minimo dal 7 novembre, dopo i 307 punti della chiusura di venerdì scorso.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

L’Iva spacca il governo

Governo a muso duro con le banche

Il velo di Maya dei conti pubblici italiani

Ti può anche interessare

Istat, mercato immobiliare in frenata: -0,8% le compravendite del III trimestre

Il mercato immobiliare frena leggermente: i dati Istat del III trimestre 2018 Lieve calo delle compr ...

Fondi private, Fideuram fa il bis

Conclusa la seconda finestra di collocamento di FAI - Mercati Privati Globali ...

Bnp Paribas: la strategia cinese per stimolare l’economia

Il governo ha varato misure per stimolare l'economia. Ulteriori emissioni di titoli di stato locali ...