Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

A
A
A

Una mazzata per il popolo britannico

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti27 novembre 2018 | 11:02

Un conto decisamente salato quello di Brexit. La prospettiva è di un calo del 3,9% del Pil britannico entro il 2030, pari a un costo di 100 miliardi di sterline. Una cifra che rapportata ai cittadini equivale a circa mille sterline a testa per ogni abitante del Regno Unito.

A delineare questo scenario, ripreso da Il Sole 24 Ore, è lo studio condotto dopo l’accordo raggiunto tra Londra e Bruxelles  e approvato dai 27 Paesi membri dell’Unione Europea la scorsa domenica. La ricerca rivela che se se l’accordo proposto su Brexit diventerà realtà, il Pil sul lungo termine subirà un calo del 4% rispetto all’ipotesi di permanenza.

Questo significa perdere l’intero contributo annuale del Galles o del settore finanziario a Londra.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Ti può anche interessare

I Buy del consulente: 20/9/18, da Ferrari a Reno De’ Medici

I titoli da comprare secondo gli analisti. ...

Parola ai consulenti, sulla Road to the future

Le vostre parole in diretta dall'ultimo roadshow organizzato da Bluerating ...

Broker Forex, allarme rosso sulle truffe

Non si può più andare avanti in questa maniera. A dirlo è Aduc ...