Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

A
A
A

Lo ha stabilito la Corte di Giustizia europea, secondo cui il Regno Unito può fare dietrofront sulla decisione di lasciare l’Ue senza il consenso di altri Stati membri e senza altre condizioni.

Chiara Merico di Chiara Merico10 dicembre 2018 | 10:32

La Gran Bretagna è libera di fermare la Brexit: lo ha stabilito la Corte di Giustizia europea, secondo cui il Regno Unito può fare dietrofront sulla decisione di lasciare l’Ue senza il consenso di altri Stati membri e senza altre condizioni. Come riferisce il Financial Times, la decisione è stata “una delle più rapide” prese dalla Corte lussemburghese nei suoi 66 anni di storia: i giudici hanno stabilito che la clausola di uscita prevista dall’articolo 50 può essere “revocata unilateralmente”, consentendo così al Paese in questione di cambiare idea sull’uscita nel corso della fase negoziale, che dura due anni. “Uno Stato membro non può essere costretto a lasciare l’Ue contro la sua volontà”, si legge in un estratto della sentenza. La notizia arriva alla vigilia del voto alla Camera dei Comuni, che secondo le previsioni dovrebbe respingere la bozza di trattato elaborata dal governo May.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Ti può anche interessare

I Buy di oggi, da Digital Bros a Ovs

I buy di oggi secondo Finanza Operativa. ...

WisdomTree: il 2019 avrà l’oro in bocca

Reddito fisso, la Fed impone attenzione alla qualità creditizia. Giappone possibile outsider in uno ...

Sectoral Am: “Cosa aspettarsi per i titoli dell’healthcare”

Di seguito l’analisi sul settore dell’healthcare di Stephan Patten e Vasilios Tsimiklis, analist ...