L’Intelligenza artificiale? Meglio la realta virtuale

A
A
A

I risultati di una ricerca di Osborne Clarke sulle preferenze dei manager

Avatar di Redazione4 dicembre 2018 | 18:14

I dirigenti di tutto il mondo ritengono che la Realtà Virtuale (VR) e la Realtà Aumentata (AR) offrano maggiori opportunità dell’Intelligenza Artificiale (AI), e questo in vista dell’adozione della connettività di nuova generazione nei prossimi cinque anni. Il 78% delle aziende a livello globale (circa 8 su 10) crede, infatti, che AR e VR avranno un impatto significativo sul business da qui al 2022 – a fronte del 76% di chi pensa accadrà lo stesso per l’AI. È quanto emerge da una ricerca commissionata da Osborne Clarke.

Per quanto riguarda l’Italia le percentuali sono significativamente più alte: l’86% di chi ha risposto ritiene che VR e AR rappresentino un’opportunità (il 36% di questi la sottolinea come particolarmente importante, in linea con il campione globale) e la stessa percentuale, 86%, ritiene che pure l’AI rappresenti un’opportunità (il 50% la indica come particolarmente importante a fronte del 33,5% del campione globale).

The Next Generation Connectivity report, che ha interessato dirigenti e manager di 11 differenti paesi – è stato realizzato dall’Economist Intelligence Unit

  È anche emerso che:

  • VR e AR sono considerate un’importante opportunità dal 44% di chi lavora nel settore digital business, dal 43% di chi lavora in quello immobiliare e dal 32% di chi lavora nell’energy

 

  • Il 27% di chi lavora nel settore del digital business afferma che una migliorata capacità di fornire VR e AR utilizzando la connettività di nuova generazione sarà fondamentale nei prossimi cinque anni.

 

Gianluigi Marino (nella foto), partner di Osborne Clarke, ha dichiarato: “L’adozione dell’AR e della VR offre enormi opportunità di business in tutti i settori. Le società immobiliari saranno in grado di mostrare ai possibili acquirenti come saranno gli edifici ancora in costruzione una volta completati, mentre – attraverso l’AR – i dipendenti delle divisioni di stoccaggiopotranno sapere in tempo reale lo stato del magazzino; il settore healthcare potrà usare la VR per le operazioni chirurgiche in remoto. VR e AR faranno un’enorme differenza nel modo di gestire il business nei prossimi cinque anni”.

Man mano che la popolarità dell’AR e della VR crescerà è previsto che il valore combinato del settore supererà i 170 miliardi dollari entro il 2022. Tuttavia prima di adottare queste nuove tecnologie è opportuno fare alcune considerazioni. Marino prosegue: “La connettività è un elemento essenziale che consente al virtuale e al reale di unirsi. Entrambi avranno un ruolo importante nel cambiare l’efficienza e in generale i processi, ma vi sono alcune questioni legali che le aziende devono sempre tenere presenti e che vanno dall’IP alla privacy, alla sicurezza e alla salute. È necessario avere quindi tutto sotto controllo e organizzato già adesso in modo da usare le nuove tecnologie in maniera efficace e acquisire un vantaggio competitivo più velocemente”.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Antirion Sgr, operazione con Osborne Clarke

Osborne Clarke: consumatori preoccupati per la sicurezza dei pagamenti mobili

Ti può anche interessare

Cina, il Dragone ha perso le ali e prevede meno crescita

Le stime del Pil per il 2019 sono comprese tra il 6 e il 6,5% e rappresentano il livello più basso ...

Il ministro Tria mette gli 80 euro nel mirino

Il bonus di 80 euro in busta paga introdotto dal governo Renzi potrebbe essere cancellato nella pr ...

Ecco come lo spread strozza le banche (e i risparmi)

Istituti in difficoltà con l’ascesa del differenziale ...