Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

A
A
A

La crisi britannica

Avatar di Redazione11 dicembre 2018 | 10:25

Theresa May prova le ultime mosse per evitare una cocente sconfitta. Il voto in Parlamento sull’accordo su Brexit, previsto per martedì 11, è stato rinviato a data da destinarsi.

“Ho ascoltato attentamente le opinioni dei deputati ed è chiaro che hanno bisogno di ulteriori garanzie, soprattutto sul backstop” ha commentato la May. La polizza di assicurazione per evitare il ritorno a un confine interno in Irlanda è il punto più controverso dell’accordo ma, ha sottolineato la premier, “è una garanzia necessaria e non esiste un accordo possibile senza backstop, conseguenza inevitabile di una trattativa”. Nei prossimi giorni il primo ministro tornerà a Bruxelles per cercare ulteriori garanzie e che avrà anche incontri con leader europei per poi tornare in Parlamento con un testo rivisto. Nel frattempo il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha convocato per giovedì 14 un vertice a 27 sulla Brexit, “per facilitare la ratifica del Regno Unito” e per discutere anche di un “eventuale scenario di mancata intesa”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Ti può anche interessare

Gestori, un 2019 con tante sfide e opportunità

La manovra italiana, la Brexit e le politiche monetarie americane. Sono stati alcuni degli argomenti ...

Flat tax, il via libera di Tria

"Il ministro dell'Economia Tria ha detto che i soldi ci sono per fare la flat tax per il ceto medio, ...

Capitombolo di Piazza Affari: è la maglia nera europea

I mercati subiscono l'incertezza legata alla politica di bilancio del governo italiano ...