Asset allocation: nel 2019 occasione commodity

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti27 dicembre 2018 | 15:00

Col finire dell’anno fioccano le riflessioni su quelle che potrebbero essere le opportunità per il portafoglio venturo targato 2019. A darci uno spunto in tal senso ci pensa Mark Lacey (nella foto), Head of Commodities e James Luke, gestore del fondo Schroder ISF Global Gold di Schroders: l’occasione giusta potrebbe venire dal mondo delle commodity. Ecco la sua analisi.

Le commodity hanno dovuto affrontare diverse preoccupazioni ultimamente: i timori legati alle guerre commerciali e al rallentamento della crescita globale hanno eroso la fiducia degli investitori. Tali timori non sono facilmente rimovibili. Ciononostante riteniamo che l’outlook per i rendimenti delle commodity nel 2019 sia positivo.

Guardando al futuro, esiste un contrasto tra l’equilibrio precario di offerta e domanda e le preoccupazioni macroeconomiche. Per esempio, sembra che il mercato globale del greggio nel 2019 attingerà alle proprie scorte, nonostante la recente volatilità. Nell’ambito dei metalli, le scorte di alluminio della London Metal Exchange sono più che dimezzate da inizio 2017 e i tagli alla produzione probabilmente accelereranno. Ci sono anche altri fattori macroeconomici che potrebbero essere di supporto per le commodity, ecco quali:

  • Rischio di inflazione: i mercati si stanno focalizzando sul legame potenzialmente dannoso tra le guerre commerciali e la crescita globale, prestando molta meno attenzione all’impatto sull’inflazione delle tensioni commerciali e delle politiche fiscali accomodanti dei Governi dell’UE e della Cina.
  • Dollaro: il biglietto verde è stato molto forte nel 2018. Tuttavia, l’impatto dei tagli fiscali sta scemando e i tassi di interesse in rialzo stanno impattando su parti sensibili dell’economia: c’è quindi un’alta probabilità che nel 2019 il vento contrario per le commodity rappresentato da un dollaro forte venga meno.

Di seguito le view sui principali sotto-settori delle commodity per il 2019:

Settore energetico

I mercati energetici hanno visto un rapido cambiamento di posizionamenti, come prevedibile dato che il mercato già affollato ha dovuto affrontare una serie di catalizzatori negativi: l’OPEC e gli Stati Uniti hanno aumentato la produzione più rapidamente del previsto e sanzioni meno severe hanno portato a un surplus di petrolio in un periodo di domanda debole a livello stagionale.

Secondo le nostre previsioni l’outlook del petrolio per i prossimi 12 mesi è rialzista, in quanto ci aspettiamo che il mercato torni a restringersi nel 2019. La domanda continua ad essere forte e la spare capacity è ai minimi storici (tranne in Iran). Le compagnie petrolifere internazionali continuano a dimostrare ed esprimere il desiderio di mantenere una certa disciplina nel loro utilizzo del capitale.

Guardando all’America del Nord, riteniamo che le aspettative per la crescita della produzione siano eccessive. I vincoli legati agli oleodotti dei principali giacimenti saranno alleviati solo verso la fine del terzo trimestre del 2019 e la produzione canadese ha iniziato a rallentare a causa del basso prezzo del greggio locale. Anche assumendo una crescita della domanda di petrolio più debole nel 2019 e un significativo aumento della produzione in Nordamerica, continuiamo a ritenere che la domanda sarà eccessiva rispetto alla capacità di produzione dell’OPEC.  Il mercato dovrà attingere alle scorte nel secondo e terzo trimestre. Tali mosse dovrebbero spingere il prezzo del petrolio al rialzo, con possibili impennate se i produttori precari, come Libia, Iraq, Nigeria e Venezuela dovessero subire disruption sul lato dell’offerta.

Metalli

Non ci aspettiamo che nel 2019 ci saranno sovraperformance dei metalli comuni, ad eccezione di ambiti specifici che saranno interessati da catalizzatori dell’offerta. Spicca l’alluminio, il cui prezzo è estremamente basso rispetto ai costi e l’ampio deficit probabilmente spingerà i prezzi al rialzo. Sul lungo termine continuiamo a vedere un potenziale significativo per il mercato del nickel, sulla base di una crescita dell’offerta limitata e una domanda solida e in aumento per le batterie agli ioni di litio.

I metalli preziosi al momento sono molto poco popolari. Con il focus sulle problematiche di breve termine, come le posizioni estremamente corte e l’ampio acquisto indiano, i mercati stanno ignorando una domanda importante per l’oro: quando vedremo l’impatto sull’economia Usa dei tassi di interesse più elevati, della crescita più debole dei mercati emergenti e dei mercati azionari e dell’incertezza derivante da una politica commerciale più aggressiva?

Se ciò dovesse realizzarsi, l’impatto negativo sulle aspettative di tassi e dollaro potrebbero essere profonde. In tal senso la gestione delle tempistiche è difficile. Sarà necessaria una certa dose di pazienza, ma il 2019 probabilmente vedrà rendimenti che riflettono tale punto di svolta e ciò rappresenterà un catalizzatore positivo per i mercati dei metalli preziosi.

Agricoltura

I fondamentali al momento sono molto diversi all’interno dei cinque sotto-settori agricoli che copriamo. L’incertezza politica ed economica legata alle trade war e alla volatilità delle valute dei mercati emergenti ha pesato molto sui mercati agricoli. Tuttavia, mercati come quello dei cereali e delle materie prime emergono come esempi positivi, dato che prevediamo che la produzione globale e le scorte continueranno a restringersi nel 2019.

In modo simile, anche i mercati del cotone sembrano promettenti, dato che la domanda per le fibre naturali continua ad essere solida a livello globale, mentre il cotone di alta qualità mostra un’offerta debole. Al contrario, siamo negativi sui semi per i prossimi 12 mesi, in particolare sulla soia.

Infine, i mercati delle soft commodity come cacao, caffè e zucchero sembrano essere vicini alla fine della loro tendenza orso del lungo termine. I prezzi del caffè e dello zucchero sono crollati dal 2011 e ciò riflette l’importanza delle scorte globali. Sebbene manchi ancora un elemento catalizzatore, i rischi di downside sono limitati e rappresentano un’interessante opportunità di investimento di lungo termine.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: azioni, ecco su quali settori puntare

Asset allocation: qualche spunto per chiudere l’anno

Asset allocation, l’approccio quantitativo ai fondi di private equity

Asset allocation: cds, l’arma giusta contro mr. Hide

Consulenti, ecco i consigli sul portafoglio per i prossimi 5 anni

Asset allocation, le ragioni del Merger Arbitrage

Asset allocation, il momento d’Oro

Asset allocation, un portafoglio bilanciato per i mercati turbolenti

Asset allocation, l’oro per diversificare

Asset allocation, meglio essere codardi

Asset allocation, guadagnare giocando in difesa

Asset allocation: dopo il rally è tempo di protezione

Pictet AM: “La Fed? Una presenza che si fa sentire nell’asset allocation”

Asset allocation: le mosse estive sui bond

Syz Am, l’asset allocation è un rebus

Asset allocation: ecco perché sono meglio gli assicurativi dei bancari

Asset allocation: opportunità infrastrutture

Fondi: l’investimento (non fa) acqua

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

Consulenti, rischi e opportunità per un 2019 dal portafoglio perfetto

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Invesco, portafogli per due scenari alternativi

Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

Asset allocation, bye bye bull market

Asset allocation, le opportunità europee

Asset allocation: in bond high yield we trust

Asset allocation alla prova del protezionismo

Consulenza, l’indecisione fa male al portafoglio

Consulenti, come costruire il portafoglio perfetto mentre guardi Diletta Leotta

Asset allocation, 3 motivi per sorridere e 1 per cautelarsi

Ti può anche interessare

Gli italiani oggi? Più felici ma pessimisti verso il futuro

Per gli italiani la famiglia continua a essere un punto fermo e sicuro su cui si può sempre contare ...

Gestori in vetrina – Legg Mason

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Matteo Len ...

Oggi su BLUERATING NEWS: reclutamento top per Fineco

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...