Manovra, la Bce bacchetta l’Italia sul deficit

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 28 Dicembre 2018 | 10:44
Nel mirino i saldi di bilancio dei Paesi più indebitati dell’Eurozona. Confermato lo stop al Qe nel 2019.

La Banca centrale europea mette nel mirino il deficit italiano. Nel suo bollettino di dicembre ha sottolineato il pericolo costituito dalla manovra italiana per le stime di disavanzo dell’Eurozona. Ma in generale, finiscono sul tavolo degli imputati il mancato rispetto delle regole del Patto di stabilità da parte dei Paesi ad alto debito. Poiché, sostengono da Francoforte, li esporrebbe a una maggiore vulnerabilità in un eventuale periodo di flessione economica.

La Bce ha inoltre confermato la fine del Quantitative Easing nel 2019. L’inflazione continuerà a convergere verso gli obiettivi e lo farà anche dopo la cessazione dell’acquisto programmato di titolo di Stato. Secondo la banca centrale, la crescita globale nel 2019 dovrebbe rallentare. Per poi mantenersi stabile negli anni successivi. Le fonti di incertezza maggiore sono legate a motivi geopolitici, ai dazi, alle vulnerabilità dei Paesi emergenti e alla volatilità dei mercati finanziari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, maxi tagli alle filiali

Carige, la Bce le concede più tempo

Bce, la benedizione di Juncker su Weidmann

NEWSLETTER
Iscriviti
X