L’Orso si mangia Piazza Affari 

A
A
A
di Marcello Astorri 31 Dicembre 2018 | 11:49
Il Ftse Mib ha chiuso l’anno con un ribasso di oltre il 16%. La sua quotazione è tornata ai livelli di fine 2016. Ma non è la peggiore in Europa

La bocca dell’orso che ha azzannato la Borsa di Milano deve essere stata parecchio grande: il Ftse Mib, infatti, ha chiuso il 2018 con un calo del 16,1%. Da quanto si apprende dall’analisi fornita da Milano Finanza, con dati aggiornati al 28 dicembre, il listino principale di Piazza Affari è tornato indietro ai livelli di fine 2016.  A quota 18.324 punti. Sono stati pochi i titoli a salvarsi: Campari (+13,7%), Poste Italiane (+8,9%), Amplifon (+7,9%) e Moncler (+7,6%). Negative anche le performance dell’Aim Italia (-12%) e del segmento Star, che ha perso il 19% facendo peggio del Ftse Mib.

L’impennata dello spread sui titoli di Stato italiani ha fatto male ai titoli del comparto bancario. Si spiegano così, infatti, i ribassi di Unicredit (-38,4%), Ubi (-32,7%), Intesa Sanpaolo (-31,1%), Banco Bpm (-27,9%), Bper (-22,1%) e Mediobanca (-23,4%). Il Ftse Mib, pur facendo male, non è stato comunque il peggiore tra i principali listini europei: il Dax di Francoforte ha chiuso il 2018 con una flessione del 18,3%. E in generale non è andata meglio ai vari indici mondiali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Correlazioni in lento ripristino. Il peggio è alle spalle?

Orso in letargo da 10 anni: qual è la differenza tra l’attuale ciclo e quelli passati?

Lemanik: è iniziato il bear market

NEWSLETTER
Iscriviti
X