Fisco: attenzione alla mazzata Imu 

A
A
A

Per il 2019 c’è un forte rischio di aumento nel 79,6% dei Comuni. I sindaci devono recuperare almeno 1,3 miliardi di euro

Marcello Astorri di Marcello Astorri31 dicembre 2018 | 12:19

L’inizio del nuovo anno potrebbe portare cattive notizie in fatto di tasse per chi ha una seconda casa. E non solo. In base a quanto si apprende da un articolo del Sole 24 Ore, nel 79,6% dei Comuni italiani, dal primo di gennaio in poi, c’è il rischio di un ritocco verso l’alto di Imu e Tasi. Questi incrementi sarebbero più probabili nei centri medio-piccoli del Nord Italia. Al Sud, invece, ci sarebbero margini di manovra più ridotti, poiché la crisi dei conti ha portato da tempo a sfruttare a fondo il fisco. Così come nei capoluoghi, dove le aliquote sono già al massimo.

L’ultima manovra di bilancio, fra tagli, spese, mancate integrazioni di fondi e obblighi di accantonamento, ha presentato ai sindaci un conto da 1,3 miliardi di euro. Al quale si aggiunge la liberazione del fisco locale. Proprio quest’ultimo provvedimento, a fronte di fondi da reperire, rende piuttosto probabile il temuto aumento di Imu e Tasi. Se le aliquote arrivassero ovunque al massimo, infatti, l’accoppiata Imu-Tasi garantirebbe alle tasche dei sindaci 2 miliardi in più rispetto ai 16,3 attuali.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cassazione, lo Stato deve pagare l’Imu ai Comuni

Via l’Imu sulla prima casa? Ne beneficierà chi vive in un castello

Ti può anche interessare

Mercati: ipo non lascia, raddoppia

Società quotate aim in significativa crescita nel 2018 e ipo raddoppiate ...

Axa Italia, assistenza ad alta tecnologia

Con Here with you Axa Italia punta a rivoluzionare l’esperienza cliente nel settore assicurativo ...

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Amundi

Intervista Paolo Proli, head of retail distribution Italia. ...