Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

A
A
A

A Pechino sono ripresi i negoziati tra le due principali economie del mondo. Trump si è detto fiducioso per l’accordo

Marcello Astorri di Marcello Astorri7 gennaio 2019 | 12:14

A Pechino sono ripresi i negoziati tra Stati Uniti e Cina per un accordo commerciale. Donald Trump nella giornata di ieri si è detto fiducioso. E i mercati sperano almeno quanto lui nella buona riuscita dei colloqui, circostanza che sventerebbe un’escalation di tariffe ancora più aspra tra le due principali economie del mondo. Nella capitale cinese è arrivata la delegazione statunitense guidata dal vice rappresentante per il Commercio e funzionari dell’Agricoltura, dell’Energia e del Tesoro, per incontrare la controparte cinese. C’è tempo per chiudere un nuovo trattato fino al 2 marzo. Termine che il presidente Usa, Donald Trump, e quello cinese, Xi Jinping, hanno concordato a Buonos Aires, a margine del G20. Un fallimento comporterebbe una nuova ondata di tariffe sui restanti 267 miliardi di dollari di prodotti cinesi. Mossa alla quale Pechino non starebbe a guardare, con un effetto disastroso per l’economia mondiale.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Fintech PapaNatale in Cina

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

In Cina lanciato megafondo Fintech da 1,5 miliardi di dollari

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Sempre più fondi per il Fintech pechinese

Cina, primi stress test sull’asset management

Venture Capital ormai freddo anche nel Fintech, ma non in Cina

Il Fintech nel futuro della Minsheng Bank, gigante privato cinese

Nel Fintech le dimensioni contano: fra le prime 5 aziende del settore 4 sono cinesi

Boom di assicurati online in Cina: sono 330 milioni di persone

Ti può anche interessare

La guerra dei fondi

Attivi vs passivi, una sfida che forse vede il vincitore ...

Mediolanum e Robeco, stretta di mano nel gestito

Robeco annuncia di aver ricevuto l’incarico di gestire un mandato all’interno di un fondo di Med ...

Brexit, le borse non hanno paura

Dopo la bocciatura dell'accordo, le borse europee rimangono indifferenti. Anche Londra contiene il r ...