Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

A
A
A

Secondo il quotidiano The Guardian, Londra e Ue stanno pensando di rinviare la Brexit dal 29 marzo a dopo luglio

Marcello Astorri di Marcello Astorri14 gennaio 2019 | 10:22

Il Regno Unito e l’Unione europea stanno pensando al rinvio della Brexit. In base ad alcune indiscrezioni del Guardian, si apprende che Bruxelles si sarebbe convinta a concedere qualche mese in più alla premier Theresa May, se lei si trovasse in difficoltà. L’attuale deadline del 29 marzo, potrebbe slittare a luglio dopo le elezioni europee di maggio. Basta che Theresa May lo chieda. Ma presupposto ancor più fondamentale è che sopravviva al voto in Parlamento di domani, dove è molto difficile che l’accordo possa passare così com’è.

Il governo britannico, infatti, deve fare i conti con l’opposizione sia dei pro Brexit, molto critici verso la clausola di salvaguardia utile a non creare un confine fisico tra le due Irlande, ma anche con gli europeisti che puntano a un nuovo referendum per sventare la Brexit. Intanto è in arrivo una lettera della Commissione europea, che specificherà la temporaneità della clausola di salvaguardia irlandese. Difficile, comunque, che possa essere sufficiente ad aiutare Theresa May.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Ti può anche interessare

Un carico di obbligazioni con destinazione ITForum

Nuove emissioni si aggiungono alle 50 obbligazioni attualmente quotate da Banca Imi, denominate in 1 ...

Valori & Finanza ingaggia e apre a Napoli

La sim udinese presieduta da Flavio Francescato si espande al sud con due colpi nel reclutamento e l ...

Mediolanum CU, altre tre tappe per il Progresso

Prosegue l'impegno sul territorio dedicato alle nuove opportunità professionali ...