Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 14 Gennaio 2019 | 10:22
Secondo il quotidiano The Guardian, Londra e Ue stanno pensando di rinviare la Brexit dal 29 marzo a dopo luglio

Il Regno Unito e l’Unione europea stanno pensando al rinvio della Brexit. In base ad alcune indiscrezioni del Guardian, si apprende che Bruxelles si sarebbe convinta a concedere qualche mese in più alla premier Theresa May, se lei si trovasse in difficoltà. L’attuale deadline del 29 marzo, potrebbe slittare a luglio dopo le elezioni europee di maggio. Basta che Theresa May lo chieda. Ma presupposto ancor più fondamentale è che sopravviva al voto in Parlamento di domani, dove è molto difficile che l’accordo possa passare così com’è.

Il governo britannico, infatti, deve fare i conti con l’opposizione sia dei pro Brexit, molto critici verso la clausola di salvaguardia utile a non creare un confine fisico tra le due Irlande, ma anche con gli europeisti che puntano a un nuovo referendum per sventare la Brexit. Intanto è in arrivo una lettera della Commissione europea, che specificherà la temporaneità della clausola di salvaguardia irlandese. Difficile, comunque, che possa essere sufficiente ad aiutare Theresa May.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, l’accordo con la Ue non salverà il Regno Unito

Consulenti, il nuovo volto dell’Europa tra Brexit e Next Generation

Brexit, ora è realtà

NEWSLETTER
Iscriviti
X