Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

A
A
A

Ora tutte le ipotesi sono plausibili: dall’addio all’Europa senza accordo, all’avvento di un secondo referendum popolare sulla Brexit

Marcello Astorri di Marcello Astorri16 gennaio 2019 | 10:02

La bocciatura dell’accordo sulla Brexit era nell’aria. Ma i 432 voti contrari del Parlamento, a fronte di soli 202 a favore, sono una sconfitta schiacciante per la Premier Theresa May. A votarle contro le opposizioni, ma anche buona parte del suo stesso partito conservatore. Il leader laburista, Jeremy Corbyn, ha inoltre presentato una mozione di sfiducia per rovesciare il governo. Se la May riuscirà a rimanere in sella, allora proverà a presentare una nuova bozza di accordo entro lunedì: tuttavia, non si sa quali novità potrà contenere in un lasso di tempo così ristretto. Ed è assai improbabile che possa passare.

Ma quali sono le alternative? Resiste la soluzione norvegese, che tuttavia non piace a molti: significherebbe rimanere nel mercato unico e nell’unione doganale, senza avere peso politico in Europa.  Per come si sono messe le cose, le ipotesi più probabili all’orizzonte sono l’uscita senza paracadute dell’Unione europea (con un potenziale disastro per l’economia del Regno Unito e non solo), oppure un secondo referendum sulla Brexit. Eventualità inimmaginabile fino a pochi mesi fa.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

Ti può anche interessare

Berlusconi si fa il regalo di Natale: 35 milioni

Cedolone super per l'ex premier ...

I Buy di oggi, da Digital Bros a Ovs

I buy di oggi secondo Finanza Operativa. ...

Btp sempre più in mano agli italiani

L’impennata dello spread di metà 2018 ha contribuito a far diminuire la quota di debito pubblico ...