Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

A
A
A

L’impatto non è ancora prevedibile, ma se si guarda al 2018…

Avatar di Redazione16 gennaio 2019 | 11:59

Si sa che il mondo degli operatori della consulenza finanziaria e del risparmio gestito ha mal digerito le problematiche burocratiche che coinvolgono il lancio dei nuovi Pir. Dopo la “scesa in campo” di Assogestioni, è stato recentemente Il Giornale a riportare alcune dichiarazioni sul tema di Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum, una delle reti che maggiormente hanno puntato su questa tipologia di prodotti nei mesi passati. Stando a quanto riportato nell’intervista, la società ha comunicato ai propri family banker la sospensione della vendita di nuovi prodotti appartenenti a questa tipologia di investimenti. Un’opportunità di raccolta mancata, il cui impatto non è ancora prevedibile nella sostanza, ma che comunque potrebbe rivelarsi sostanziosa “Non è possibile dirlo. Per quanto ci riguarda, guardando i numeri del 2018, l’impatto sarebbe stato di oltre 400 milioni” commenta Doris.

Per fortuna però questa situazione non inciderà sui pir già collocati “Abbiamo deciso di bloccare l’offerta perchè la legge di Bilancio ha introdotto modifiche legislative che i nuovi Pir non sarebbero in grado di rispettare, non consentendo al risparmiatore di beneficiare dell’esenzione fiscale. Riteniamo però che per i Pir acquistati nel 2017 e 2018 non cambi niente. Chi li ha già può effettuare versamenti aggiuntivi. Le novità riguardano solo i Pir costituiti a partire dal primo gennaio 2019”

Una cosa è certa: serve una soluzione rapida del problema. Dal canto suo Massimo Doris è pronto a dare il proprio contributo: “L’idea di investire di più sull’Aim va molto bene, ma la percentuale deve essere adeguata al flottante attuale, molto, molto minore del 3,5%. Inoltre, stabilite le percentuali inferiori, bisogna dare ai fondi un termine temporale ragionevole per effettuare gli investimenti. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di Tommaso Corcos, presidente di Assogestioni: lanciare fondi chiusi dedicati alla pmi che, essendo più illiquidi, abbiano maggiori benefici fiscali. Il governo potrebbe sedere al tavolo con Assogestioni e autorità di vigilanza e insieme trovare una soluzione. E farlo in fretta, nel giro di 1-2 mesi massimo, nell’interesse dell’economia italiana” ha concluso l’amministratore delegato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gestori in vetrina – Allianz GI

Euromobiliare: il private sedotto dall’arte della sabbia

Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

Dossier reclutamento: Consultinvest

Oggi su BLUERATING NEWS: bot e risposte, Fineco scivola

Borse, BlackRock aspetta il rally

Consulente: tre grafici che ti faranno preoccupare

Mediolanum, consulenza caput mundi

Bankitalia: è SOS sul debito pubblico

Il grande sacrificio del consulente

BFC protagonista all’Investor day di Integrae sim

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Consultinvest: Anselmi al timone dell’asset management

BFC, per gli analisti è da comprare

Banca Mediolanum: l’uomo di frontiera che cavalca l’innovability

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Gestori in vetrina – Etica sgr

Mediolanum: convention a maggio e spinta sul private

Consulenza indipendente: botta e risposta con il neo Vice Presidente di AssoSCF

Fidelity International, nuova nomina ai piani alti

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Fineco non è mai sazia di raccolta

Al via la formazione Ascofind per i consulenti indipendenti

Sostenibilità, ovvero come ridurre il rischio d’investimento

Oggi su BLUERATING NEWS: recruiting Widiba, i campioni del gestito

Cofip, ecco il congresso nazionale consulenza finanziaria professionale

Fondi di investimento, MFS: nuovo fondo che punta al credito europeo

Consulenti: tra radiati e sospesi, a marzo triplica il lavoro della vigilanza

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Etf, Lyxor quota su Borsa Italiana un nuovo Etf Esg

Certificati, Vontobel: sul SeDeX il primo Tracker Certificate Impact Investing

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 28/03/2019

Ti può anche interessare

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Finprog Italia rafforza ancora il patrimonio netto accantonando i 59,2 milioni di utile segnato nel ...

Criptovalute, il futuro dei pagamenti

Lo rivela una nuova ricerca condotta dall’Imperial College di Londra in collaborazione con eToro ...

Il “buy” del consulente – 24/10/18, da Banca Generali a Danieli

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...