Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

A
A
A

L’impatto non è ancora prevedibile, ma se si guarda al 2018…

Avatar di Redazione16 gennaio 2019 | 11:59

Si sa che il mondo degli operatori della consulenza finanziaria e del risparmio gestito ha mal digerito le problematiche burocratiche che coinvolgono il lancio dei nuovi Pir. Dopo la “scesa in campo” di Assogestioni, è stato recentemente Il Giornale a riportare alcune dichiarazioni sul tema di Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum, una delle reti che maggiormente hanno puntato su questa tipologia di prodotti nei mesi passati. Stando a quanto riportato nell’intervista, la società ha comunicato ai propri family banker la sospensione della vendita di nuovi prodotti appartenenti a questa tipologia di investimenti. Un’opportunità di raccolta mancata, il cui impatto non è ancora prevedibile nella sostanza, ma che comunque potrebbe rivelarsi sostanziosa “Non è possibile dirlo. Per quanto ci riguarda, guardando i numeri del 2018, l’impatto sarebbe stato di oltre 400 milioni” commenta Doris.

Per fortuna però questa situazione non inciderà sui pir già collocati “Abbiamo deciso di bloccare l’offerta perchè la legge di Bilancio ha introdotto modifiche legislative che i nuovi Pir non sarebbero in grado di rispettare, non consentendo al risparmiatore di beneficiare dell’esenzione fiscale. Riteniamo però che per i Pir acquistati nel 2017 e 2018 non cambi niente. Chi li ha già può effettuare versamenti aggiuntivi. Le novità riguardano solo i Pir costituiti a partire dal primo gennaio 2019”

Una cosa è certa: serve una soluzione rapida del problema. Dal canto suo Massimo Doris è pronto a dare il proprio contributo: “L’idea di investire di più sull’Aim va molto bene, ma la percentuale deve essere adeguata al flottante attuale, molto, molto minore del 3,5%. Inoltre, stabilite le percentuali inferiori, bisogna dare ai fondi un termine temporale ragionevole per effettuare gli investimenti. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di Tommaso Corcos, presidente di Assogestioni: lanciare fondi chiusi dedicati alla pmi che, essendo più illiquidi, abbiano maggiori benefici fiscali. Il governo potrebbe sedere al tavolo con Assogestioni e autorità di vigilanza e insieme trovare una soluzione. E farlo in fretta, nel giro di 1-2 mesi massimo, nell’interesse dell’economia italiana” ha concluso l’amministratore delegato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Enasarco, le dritte in vista delle elezioni

Gam e il caso ARBF: il 100,5% del portafoglio sarà restituito agli investitori

Bond, c’era una volta l’high yield

Consulenti, le istruzioni per conquistare i Millennials

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Credem, ora ti aiuta Emily

Investimenti, la tendenza alla giapponesizzazione

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

Certificati d’investimento, come muoversi e cosa aspettarsi per i prossimi mesi

Tassi, dalla Fed un assist a Trump

Etf, a giugno dominano obbligazionari ed Esg

Requiem for a Pir

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Finanza e competenze digitali, tanto fumo e poco arrosto

Consulenti, a giugno (quasi) tutti sono bravi

Zurich, Molteni nuovo COO

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Credem e Banca del Piemonte, wealth management a braccetto

Certificati, con Vontobel la svolta attiva

Enasarco, Mei in pole position per Anasf

Efpa Italia, Liccardo passa il testimone a Bortolato

Ocf: la grande battaglia per la presidenza

Enasarco: lo sconsolato (e arrabbiato) esercito dei senza pensione

Carmignac, la sostenibilità ha un nuovo volto

Arrivano gli incentivi per gli Eltif

Mercati, cinque investimenti per blindare i risparmi

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenza e tecnologia, un binomio ormai indissolubile

Helvetia e BPP, partnership nel segno della bancassicurazione

Oggi su BLUERATING NEWS: a tutta Champions

Consulenti, la resa dei piccoli portafoglisti

Ti può anche interessare

Bnp Paribas: la strategia cinese per stimolare l’economia

Il governo ha varato misure per stimolare l'economia. Ulteriori emissioni di titoli di stato locali ...

Un nuovo advisory committee per Aiaf

L’organismo, composto da importanti personalità del mondo imprenditoriale, economico e finanziari ...

Caso Ciappazzi, condanna per Geronzi e Arpe

La Cassazione ha confermato la condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione per l’ex banchiere Ces ...