Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

A
A
A

L’impatto non è ancora prevedibile, ma se si guarda al 2018…

di Redazione16 gennaio 2019 | 11:59

Si sa che il mondo degli operatori della consulenza finanziaria e del risparmio gestito ha mal digerito le problematiche burocratiche che coinvolgono il lancio dei nuovi Pir. Dopo la “scesa in campo” di Assogestioni, è stato recentemente Il Giornale a riportare alcune dichiarazioni sul tema di Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum, una delle reti che maggiormente hanno puntato su questa tipologia di prodotti nei mesi passati. Stando a quanto riportato nell’intervista, la società ha comunicato ai propri family banker la sospensione della vendita di nuovi prodotti appartenenti a questa tipologia di investimenti. Un’opportunità di raccolta mancata, il cui impatto non è ancora prevedibile nella sostanza, ma che comunque potrebbe rivelarsi sostanziosa “Non è possibile dirlo. Per quanto ci riguarda, guardando i numeri del 2018, l’impatto sarebbe stato di oltre 400 milioni” commenta Doris.

Per fortuna però questa situazione non inciderà sui pir già collocati “Abbiamo deciso di bloccare l’offerta perchè la legge di Bilancio ha introdotto modifiche legislative che i nuovi Pir non sarebbero in grado di rispettare, non consentendo al risparmiatore di beneficiare dell’esenzione fiscale. Riteniamo però che per i Pir acquistati nel 2017 e 2018 non cambi niente. Chi li ha già può effettuare versamenti aggiuntivi. Le novità riguardano solo i Pir costituiti a partire dal primo gennaio 2019”

Una cosa è certa: serve una soluzione rapida del problema. Dal canto suo Massimo Doris è pronto a dare il proprio contributo: “L’idea di investire di più sull’Aim va molto bene, ma la percentuale deve essere adeguata al flottante attuale, molto, molto minore del 3,5%. Inoltre, stabilite le percentuali inferiori, bisogna dare ai fondi un termine temporale ragionevole per effettuare gli investimenti. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di Tommaso Corcos, presidente di Assogestioni: lanciare fondi chiusi dedicati alla pmi che, essendo più illiquidi, abbiano maggiori benefici fiscali. Il governo potrebbe sedere al tavolo con Assogestioni e autorità di vigilanza e insieme trovare una soluzione. E farlo in fretta, nel giro di 1-2 mesi massimo, nell’interesse dell’economia italiana” ha concluso l’amministratore delegato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut: a luglio un nuovo modello di consulenza

Il lungo cammino dell’advisor: i portafogli raddoppiano

Consulente, non fare come Bonucci…

Consulenti, una chimera chiamata trasparenza dei costi

Assoimmobiliare lancia l’indice del mattone corporate

Banca Generali in “rosa”, entra top banker di Exane

Mediolanum mette in mostra Warhol

Jupiter Am, promozione per Porro

Banca Sella: quotazione? No grazie

Certificati, Unicredit: nuovo pieno di Cash Collect sul Sedex

WisdomTree, il fixed income in Europa ha un nuovo leader

Rendiconti Mifid 2, l’Esma ha già risposto in realtà…

Capital Group, un outlook in versione 3×3

Consulenti, la storia della locomotiva blu

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Gam

Dividendi, dopo il record del 2018, preparatevi al bis

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Fidelity International

Comgest, un 2018 da Oscar

Tutte le opportunità (e i rischi) del private debt

Banca Generali, arriva la top banker dei club deal

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Amundi

Foti (Fineco): tre pilastri per vincere la battaglia sui margini

Certificati di investimento: SocGen, 24 nuovi Recovery TOP Bonus

Oggi su BLUERATING NEWS: Fideuram Ispb raccolta e utile, i grandi gestori

ASSET and the CITY: stasera parla M&G Investments

Fondi d’investimento, top e flop del 14/02/19

Fineco e SocGen: stretta di mano nell’asset management

Rendiconti e contributi: io non ci sto!

Oggi su BLUERATING NEWS: reti dominatrici, super raccolta per gli etf

Consulenti, vi raccontiamo tutta la verità sulla crescita Usa…

Consulenti, il futuro delle grandi reti a confronto

Borsa, il voto in Abruzzo rianima il listino

Fineco, top entry in riva al lago

Ti può anche interessare

Investimenti, il dilemma dello sconto italiano

Piazza affari è a sconto? ...

Fondi, top e flop del 25/09/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Sfida contro il tasso zero

Foà (AcomeA) spiega le strategie di un fondo con obiettivo di breve termine e basse commissioni ...