Cina, il Dragone ha il fiato corto

A
A
A

Nell’intero 2018, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica, il Pil è aumentato del 6,6%, in frenata dello 0,2% sul 2017.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena21 gennaio 2019 | 11:28

La guerra dei dazi fa male all’economia cinese, che frena nel quarto trimestre segnando una crescita congiunturale dell’1,5% e una annuale del 6,4%. Nell’intero 2018, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica, il Pil è aumentato del 6,6%, in frenata dello 0,2% sul 2017 e ai livelli più bassi dal 1990. Guardando alle singole voci del prodotto interno, inoltre, si rivelano in leggera crescita sia la produzione industriale sia i consumi. Stabili, seppure a livelli bassi, invece gli investimenti.

Secondo alcune indiscrezioni arrivate dall’ultimo round di negoziati, la Cina ha proposto agli Stati Uniti di comprare beni Made in Usa per oltre mille miliardi di dollari nell’arco di sei anni, permettendo a Pechino di azzerare il suo avanzo commerciale su Washington entro il 2024. Riflettori adesso puntati sui prossimi incontri previsti a fine mese a Washington.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Fintech PapaNatale in Cina

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

In Cina lanciato megafondo Fintech da 1,5 miliardi di dollari

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Sempre più fondi per il Fintech pechinese

Cina, primi stress test sull’asset management

Venture Capital ormai freddo anche nel Fintech, ma non in Cina

Ti può anche interessare

Ultimatum di Bruxelles: entro domani 12 mld di tagli

Trattativa complicata ...

Vanguard in Italia con Rosti alla guida

Il colosso del risparmio gestito statunitense ha affidato le operazioni di sbarco nel nostro Paese a ...

La Germania frena e rischia la recessione

A novembre frena la produzione industriale (-1,9%) tedesca. Ma tutta Europa è in affanno ...