Pil italiano, cala la spada dell’Ue

A
A
A
di Marcello Astorri 23 Gennaio 2019 | 10:21
Le parole del commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, aprono a una revisione al ribasso delle stime sul pil

Dopo la scure di Banca d’Italia e Fondo monetario internazionale, le stime del pil italiano potrebbero essere ritoccate al ribasso anche dalla Commissione europea. I motivi di questo timore risiedono nelle dichiarazione del commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, che ieri ha detto che l’esecutivo comunitario è “pronto a rivedere le proprie stime di crescita dell’Italia e dei Paesi Ue”. Al momento, l’Ue prevede per l’Italia una crescita per il 2019 all’1%. Un pil più basso, vuole dire un deficit più alto. Pertanto la Commissione potrebbe chiedere all’Italia una manovra correttiva. Ipotesi che non è presa in considerazione dal governo gialloverde. Con il rischio di un nuovo scontro sui conti con la Commissione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: c’è del buono nelle banche italiane

Mercati, in Italia si è aperto un nuovo ciclo economico

Cresce l’ottimismo sull’Italia. I certificati di Vontobel per sfruttare lo scenario

NEWSLETTER
Iscriviti
X