Brexit, la May vuole di nuovo trattare

A
A
A

La Camera dei comuni ha dato mandato alla premier di rinegoziare il precedente accordo con l’Ue: ma si preannuncia un missione quasi impossibile

Marcello Astorri di Marcello Astorri30 gennaio 2019 | 10:52

La premier britannica Theresa May compatta il suo partito e ottiene il via libera della Camera dei Comuni per tornare a trattare in Europa. Avrà tempo fino al 13 febbraio per trovare un nuovo accordo sulla Brexit, dopo quello già bocciato dal Parlamento. May, in particolare, cercherà di rivedere la questione sul backstop, la clausola di sicurezza per impedire il ritorno di un confine rigido tra le due Irlande. Questa scatterebbe nel caso non si trovasse un accordo complessivo con la Ue entro il 29 marzo, data fissata per l’uscita del Regno Unito. Ieri il presidente francese, Emmanuel Macron, ha detto che l’Europa non rinegozierà con il Regno Unito, poiché l’accordo attuale è il migliore possibile. Per la May, quindi, la strada è decisamente in salita.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Ti può anche interessare

All’Italia non basta la ricchezza delle famiglie

La ricchezza privata delle famiglie non garantisce stabilità macroeconomica al nostro Paese. ...

Nasce Italiafintech

Il gruppo di lavoro opererà per sostenere la crescita e promuovere una nuova cultura dei servizi fi ...

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Finprog Italia rafforza ancora il patrimonio netto accantonando i 59,2 milioni di utile segnato nel ...