Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

A
A
A

Da Bruxelles sbarrano la strada a qualsiasi ipotesi di un nuovo accordo

Marcello Astorri di Marcello Astorri31 gennaio 2019 | 10:14

Il Regno Unito vuole trattare, ma l’Europa dice no. Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, riguardo all’apertura di nuove trattative ha detto che l’accordo di uscita già raggiunto, ma bocciato dalla Camera dei Comuni, “rimane il migliore e l’unico possibile”. Juncker, inoltre, ha aggiunto che bisogna cominciare a “prepararsi al peggio”. E per “peggio” intende una Brexit senza accordo, l’ipotesi più temuta in assoluto dai mercati e dalla premier britannica, Theresa May. Il nodo continua a essere il backstop, la clausola che garantisce che non si crei un confine fisico tra le due Irlande. Quest’ultima entrerebbe in azione se tra l’Unione europea e Londra non si concretizzasse un accordo di libero scambio. Per i sostenitori dell’Hard Brexit, però, il backstop rischia di mantenere incatenata il Regno Unito al mercato unico europeo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Ti può anche interessare

I dazi fanno meno paura

Tra Stati Uniti e Cina ci sono passi avanti per un accordo commerciale. I mercati reagiscono positiv ...

La sanzione a Venezia

Sanzione amministrativa pecuniaria nei confronti del sig. Fabio Gaiatto, quale Director della societ ...

Pil italiano, cala la spada dell’Ue

Le parole del commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, aprono a una revisione al ribasso ...