Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

A
A
A
di Marcello Astorri 31 Gennaio 2019 | 10:14
Da Bruxelles sbarrano la strada a qualsiasi ipotesi di un nuovo accordo

Il Regno Unito vuole trattare, ma l’Europa dice no. Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, riguardo all’apertura di nuove trattative ha detto che l’accordo di uscita già raggiunto, ma bocciato dalla Camera dei Comuni, “rimane il migliore e l’unico possibile”. Juncker, inoltre, ha aggiunto che bisogna cominciare a “prepararsi al peggio”. E per “peggio” intende una Brexit senza accordo, l’ipotesi più temuta in assoluto dai mercati e dalla premier britannica, Theresa May. Il nodo continua a essere il backstop, la clausola che garantisce che non si crei un confine fisico tra le due Irlande. Quest’ultima entrerebbe in azione se tra l’Unione europea e Londra non si concretizzasse un accordo di libero scambio. Per i sostenitori dell’Hard Brexit, però, il backstop rischia di mantenere incatenata il Regno Unito al mercato unico europeo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X