Usa, tassi fermi: la Fed si piega a Trump

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 31 Gennaio 2019 | 10:45
La banca centrale americana ha deciso di prendersi una pausa in attesa di segnali dal mercato

Non sono arrivate sorprese dalla riunione della Fed: i tassi d’interesse rimangono fermi. Ma c’è di più: per la prima volta, dal comunicato ufficiale scompaiono i riferimenti a eventuali rialzi dei tassi futuri. Dopo che nei mesi scorsi il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva pesantemente attaccato Jerome Powell, il numero uno della Fed, alla fine l’animo della colomba ha prevalso nelle decisioni della banca centrale americana. Powell ha negato condizionamenti da parte di Trump, aggiungendo che “l’economia statunitense va bene, ma ci sono rallentamenti in Europa e in Cina”. Per cui è meglio “essere ancora pazienti” nelle scelte di politica monetaria.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank dà il benservito a Trump

Presidenziali Usa, per i gestori sarà battaglia all’ultimo voto

Investimenti, 6 punti di vista per una notte presidenziale

NEWSLETTER
Iscriviti
X