Amazon: conti del trimestre positivi, ma la guidance delude

A
A
A

L’analisi di Vontobel sul titolo del colosso dell’e-commerce americano

Avatar di Redazione6 febbraio 2019 | 15:16

Articolo a cura di Vontobel

Amazon ha consegnato agli investitori i conti del quarto trimestre 2018 e il full year. Se i conti sono stati nel complesso molto positivi, segnando una crescita a doppia cifra sui principali aggregati economici e utile sopra le attese, la guidance sul primo trimestre 2019 non ha convinto. Il colosso americano dell’e-commerce chiude il quarto trimestre del 2018 con un fatturato in crescita del 20%, a quota 72,1 miliardi di dollari. Un risultato in linea con le attese degli analisti a 71,9 miliardi. Netto rialzo anche per l’utile operativo che, nello stesso periodo, ha segnato un balzo dell’80% anno su anno a 3,8 miliardi. Il titolo, tuttavia, è andato in picchiata dopo la diffusione dei conti. Ciò che non è piaciuto al mercato è stata una guidance inferiore alle stime, con fatturato previsto per il primo trimestre 2019 tra i 56 e i 60 miliardi di dollari e un margine operativo compreso tra 2,3 miliardi e 3,3 miliardi di dollari.

Da sottolineare che, mentre in termini di fatturato, gli USA rimangono il mercato di riferimento con oltre il 60% dei ricavi, in termini di redditività, il primato è degli Amazon Web Services (AWS) che evidenziano margini al 29%, in crescita anno su anno di 250 basis point. In rosso invece l’utile operativo del segmento International per 0,6 miliardi di dollari. Sopra le attese invece l’utile netto, salito a tre miliardi* nel quarto trimestre (+63% sull’anno precedente), pari a 6,04 dollari per azione diluita, rispetto ad un utile netto di 1,9 miliardi, o 3,75 dollari per azione diluita, nel quarto trimestre 2017.

Analisi tecnica

Da un punto di vista tecnico, la seduta post trimestrale di Amazon è stata in forte rosso, interrompendo così la fase di rimbalzo che aveva permesso al titolo di recuperare oltre il 30% dal minimo di dicembre a 1.307 dollari. Ricordiamo, infatti, che dai primi di ottobre i titoli FANG (Facebook, Amazon, Netflix e Google) avevano avviato una profonda correzione in scia alla debolezza di Wall Street. Fase che tra la fine di dicembre e i primi di gennaio 2019 ha visto una inversione di tendenza. Amazon si trova nuovamente sul supporto a 1.615 dollari. L’eventuale break di tale livello, potrebbe aprire poi verso 1.500 e 1.415 dollari. Al rialzo, invece, un segnale di forza si avrà solo sul superamento dei 1.769 dollari, con target verso i massimi in area 2.000 dollari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Intesa, l’open banking passa da Amazon

I big tech del mondo schivano 71 miliardi di tasse

Se Amazon offre anche il conto corrente (quasi)

Ti può anche interessare

Manovra, l’Europa già boccia l’Italia

Prosegue lo scontro tra governo e Commissione Europea ...

Btp sempre più in mano agli italiani

L’impennata dello spread di metà 2018 ha contribuito a far diminuire la quota di debito pubblico ...

Oggi su BLUERATING NEWS: Mediolanum e quota Fininvest, fondi in doppia cifra

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...