Bankitalia sotto attacco, Tria si smarca

A
A
A

Il ministro dell’Economia si schiera per l’indipendenza di Bankitalia

Marcello Astorri di Marcello Astorri11 febbraio 2019 | 12:00

Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, spacca il fronte del governo e si schiera dalla parte di Bankitalia. «L’indipendenza della Banca d’Italia va difesa», ha detto Tria, «mi sono già espresso». Un’uscita arrivata dopo le critiche dei giorni scorsi dai due vicepremier del governo gialloverde. Matteo Salvini, leader della Lega, aveva parlato nei giorni scorsi di Banca d’Italia e Consob come di istituti da «azzerare» per non aver vigilato a sufficienza durante la crisi. Lo stesso aveva fatto Luigi Di Maio, capo politico dei Cinquestelle, che tra l’altro aveva bloccato la conferma di Luigi Federico Signorini alla vicedirezione di Bankitalia. Tria in serata si è corretto, dicendo «che le sue parole non erano rivolte contro nessuno in particolare». Ma al di là delle parole di circostanza, la differenza di vedute rimane comunque chiara all’interno dell’Esecutivo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Governo alle prese col nodo rimborsi

Tria, acqua sul fuoco di Parigi

Manovra al fotofinish, si lavora per evitare aumento Iva

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 27/11/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Fmi in versione Cassandra su banche e Italia

Il rischio è quello di riaccendere il legame fra banche e debito sovrano e le tensioni sul mercato ...

Manovra, la Bce bacchetta l’Italia sul deficit

Nel mirino i saldi di bilancio dei Paesi più indebitati dell'Eurozona. Confermato lo stop al Qe nel ...