Brexit affossa il pil inglese

A
A
A

L’economia britannica sta rallentando

Marcello Astorri di Marcello Astorri12 febbraio 2019 | 11:12

Lo spettro della Brexit senza accordo sta zavorrando l’economia britannica. Secondo una prima stima, il pil è cresciuto dello 0,2% nel quarto trimestre 2018, segnando il tasso di crescita più basso degli ultimi sei anni. La produzione industriale a dicembre è scesa dello 0,5% su base mensile e dello 0,9% su base annua. Sono dati che fanno pensare a una ripresa economica piuttosto debole, anche se la Gran Bretagna dovesse riuscire a guadagnarsi un periodo di transizione dopo l’uscita dall’Unione europea del 29 marzo. Molto, quindi, dipenderà dall’abilità della premier, Theresa May, di riuscire a evitare un’uscita disordinata dalla Ue. Ritenuta una sciagura per tutti gli analisti. Senza contare che un ulteriore rallentamento dell’economia globale potrebbe peggiorare ulteriormente la situazione del Paese.


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Ti può anche interessare

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Trovare la performance nelle strategie dedicate all’Healthy Living ...

Ue e Fmi, attacco incrociato sull’Italia

Pioggia di critiche per il governo Italiano. Intanto la Commissione si prepara a sforbiciare le stim ...

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Lo ha stabilito la Corte di Giustizia europea, secondo cui il Regno Unito può fare dietrofront sull ...