Brexit, altra sconfitta per la May

A
A
A

Nuova sconfitta per Theresa May. La Camera dei Comuni ha respinto con 258 voti contro 303 la mozione illustrata lo scorso lunedì.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena15 febbraio 2019 | 10:58

Nuova sconfitta per Theresa May

Il Parlamento del Regno Unito ha bocciato due dei tre emendamenti presentati presentati per l’accordo sulla Brexit del primo ministro britannico.Nel dettaglio, la Camera dei Comuni ha respinto con 258 voti contro 303 la mozione illustrata lo scorso lunedì.

Jeremy Corbyn, leader del partito laburista, ha detto che “May non può continuare a ignorare il Parlamento o procedere verso la data del 229 marzo senza un piano coerente nella speranza che qualcosa cambi da sé e le salvi la faccia”. Nel frattempo, le probabilità di un no-deal sono sempre più evidenti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Ti può anche interessare

Vi spiego perché il consulente deve tifare Juve

Rigore alla Juve...l'advisory esulta? Riflessioni semiserie a margine dell’ingresso nel Ftse Mib. ...

Btp Italia parte l’asta: cedola minima 1,45%

Le caratteristiche della nuova emissione ...

Generali, partnership sulle unit linked con Dws

Accordo dopo un processo di selezione condotto dalla business unit Asset, Wealth and Investment Man ...