Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

A
A
A

L’Esma è intervenuta per sbrogliare la matassa

Marcello Astorri di Marcello Astorri19 febbraio 2019 | 12:13

L’Esma interviene per disinnescare la bomba dei derivati, che rischiava di esplodere nel caso di una Brexit senza accordo con l’Unione europea. A quanto si apprende da Il Sole 24 Ore, l’autorità europea, omologa della Consob italiana, ha infatti dato il via libera al riconoscimento di tre Controparti centrali inglesi: LCH Limited, Ice Clear Europe e LME Clear Limited. Con questo provvedimento, potranno dunque continuare a operare sui derivati con le banche dell’Unione Europea. Il ruolo di queste controparti, che si mettono in mezzo a due contraenti, è cresciuto molto dopo il crack di Lehman Brothers. Basti pensare che, a oggi, la sola Ice Clear, una delle tre controparti britanniche autorizzate, ha posizioni su credit default swap per 1.600 miliardi di dollari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

Ti può anche interessare

Borsa, l’inizio del 2019 è stato il migliore dal 1991

Sui mercati mondiali non si vedeva un inizio di anno così positivo dal 1991. Lo dice il gruppo banc ...

La Financière de l’Echiquier lancia la sicav Echiquier

La società ha deciso di trasformare alcuni dei suoi fondi comuni di investimento (FCI) in comparti ...

Il grande crollo dei gestori

Si è soliti ritenere che retailers ed automobiles dovranno affrontare i maggiori ostacoli per l’e ...