Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

A
A
A

L’Esma è intervenuta per sbrogliare la matassa

Marcello Astorri di Marcello Astorri19 febbraio 2019 | 12:13

L’Esma interviene per disinnescare la bomba dei derivati, che rischiava di esplodere nel caso di una Brexit senza accordo con l’Unione europea. A quanto si apprende da Il Sole 24 Ore, l’autorità europea, omologa della Consob italiana, ha infatti dato il via libera al riconoscimento di tre Controparti centrali inglesi: LCH Limited, Ice Clear Europe e LME Clear Limited. Con questo provvedimento, potranno dunque continuare a operare sui derivati con le banche dell’Unione Europea. Il ruolo di queste controparti, che si mettono in mezzo a due contraenti, è cresciuto molto dopo il crack di Lehman Brothers. Basti pensare che, a oggi, la sola Ice Clear, una delle tre controparti britanniche autorizzate, ha posizioni su credit default swap per 1.600 miliardi di dollari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

Ti può anche interessare

UBP: mercati emergenti, chi vince e chi perde nel 2019

Nel 2019 recessione meno dura per l'Argentina, accelera la crescita il Brasile. Ancora rischi in Tur ...

ConsulenTia19: pronti, via!

Parte domani a Bologna l’edizione autunnale della manifestazione organizzata dall’Anasf e dedica ...

Lse, Londra potrebbe dire no ad Hong Kong

Notizia delle ultime ore. Secondo alcune indiscrezioni di Dow Jones Newswires, riportate da MF- Mila ...