Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 19 Febbraio 2019 | 12:13
L’Esma è intervenuta per sbrogliare la matassa

L’Esma interviene per disinnescare la bomba dei derivati, che rischiava di esplodere nel caso di una Brexit senza accordo con l’Unione europea. A quanto si apprende da Il Sole 24 Ore, l’autorità europea, omologa della Consob italiana, ha infatti dato il via libera al riconoscimento di tre Controparti centrali inglesi: LCH Limited, Ice Clear Europe e LME Clear Limited. Con questo provvedimento, potranno dunque continuare a operare sui derivati con le banche dell’Unione Europea. Il ruolo di queste controparti, che si mettono in mezzo a due contraenti, è cresciuto molto dopo il crack di Lehman Brothers. Basti pensare che, a oggi, la sola Ice Clear, una delle tre controparti britanniche autorizzate, ha posizioni su credit default swap per 1.600 miliardi di dollari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

ITForum Online Week: la parola a Borsa Italiana su mercati azionari, derivati ed EtfPlus

Speciale road to ITForum, Borsa Italiana: “Azioni, derivati ed ETFplus, ecco i perchè di un anno con volumi record”

Divieto dell’athority sui derivati crypto. Le reazioni del mercato

NEWSLETTER
Iscriviti
X