Istat, mercato immobiliare in frenata: -0,8% le compravendite del III trimestre

A
A
A
Avatar di Simona Politini21 febbraio 2019 | 12:57

Il mercato immobiliare frena leggermente: i dati Istat del III trimestre 2018

Lieve calo delle compravendite nel settore immobiliare: perdono l’0,8% rispetto al trimestre precedente le convenzioni notarili di compravendita e le altre convenzioni relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari (175.102). Lo ha reso noto oggi l’Istat.

 

Frena il mercato immobiliare, Istat: le differenze tra Nord e Sud Italia

Il mercato immobiliare, secondo quanto riporta l’Istat nel suo comunicato, segna variazioni congiunturali positive al Centro (+0,9%), nel Nord-est (+0,8%) e nelle Isole (+0,6%); negative nel Nord-ovest (-1,2%) e al Sud (-1,1%). Per il comparto economico si registrano flessioni marcate nel Nord-ovest (-21,8%) e nel Nord-est (-11,6%), meno ampie nelle Isole (-6,1%) e al Sud (-3,4%) e segnali espansivi al Centro (+2,3%).

Su base annua le transazioni immobiliari aumentano complessivamente dell’1,6%. La crescita riguarda il comparto dell’abitativo (+3,9%) mentre l’economico registra un calo del 27,1%.

Rispetto al terzo trimestre del 2017, l’incremento osservato per il settore abitativo nel periodo luglio-settembre interessa tutte le aree geografiche del Paese – Nord-est +7,3%, Isole +5,0%, Centro +4,7%, Nord-ovest +2,1%, Sud +1,9% – e tutte le tipologie di comuni (città metropolitane +3,3%, piccoli centri +4,5%). Lo stesso accade per la flessione registrata nel settore economico – Nord-est -41,1%, Nord-ovest -26,6%, Centro -22,1%, Isole -17,1% e Sud -13,7%, città metropolitane -21,5% e piccoli centri -30,5%.

 

Mercato immobiliare, Istat: le convenzioni notarili del III trimestre 2018

Il 94,4% delle convenzioni stipulate riguarda trasferimenti di proprietà di immobili a uso abitativo e accessori (165.379), il 5,1% a uso economico (8.946) e lo 0,4% a uso speciale e multiproprietà (777).

Le convenzioni notarili per mutui, finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare (98.209) crescono dell’1,5% rispetto al trimestre precedente e del 7,0% su base annua.

Tali convenzioni registrano un aumento su tutto il territorio nazionale, sia su base congiunturale – Centro +2,3%, Nord-ovest +1,4%, Nord-est +1,3%, Isole +1,2% e Sud +0,8% – sia su base annua – Nord-est +9,4%, Centro +6,7%, Sud +6,6%, Nord-ovest +6,4% e Isole +3,8%. Rispetto alla tipologia dei comuni, la crescita riguarda sia le città metropolitane (+8,3%) sia i piccoli centri (+6,1%).


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Pensioni, Boeri lancia l’allarme sulla quota 100

Il presidente dell'Inps è critico in merito alla possibile riforma proposta dal governo ...

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

Partendo dalla valorizzazione del termine "coerenza", ecco il decalogo per il manager impeccabile ...

Adesso e’ ufficiale: procedura d’infrazione per l’Italia

Ora è ufficiale: la legge di Bilancio italiana è stata bocciata dalla Commissione europea che ha ...