Intesa Sanpaolo PB, si fa in tre per i grandi patrimoni

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti26 febbraio 2019 | 09:44

Intesa Sanpaolo Private Banking rafforza la propria presenza territoriale e la struttura di servizio rivolta alla clientela High Net Worth Individual. La società ha sviluppato, dal 2015, un modello di servizio innovativo e specializzato per i clienti con patrimoni superiori ai 10 milioni di euro, che esprimono esigenze specifiche ed articolate, non solo nella gestione delle scelte finanziarie personali, ma anche nella strutturazione e protezione del patrimonio complessivo.

Intesa Sanpaolo Private Banking, l’offerta di wealth advisory

Un’offerta personalizzata di wealth advisory è in grado di soddisfare anche i bisogni legati all’azienda di famiglia, alle necessità di passaggio generazionale, alla valorizzazione del patrimonio immobiliare, o artistico. Alle 7 Filiali HNWI già attive in Italia – Milano, Torino, Padova, Bologna, Firenze, Roma e Napoli – si aggiunge la nuova filiale “Piemonte e Liguria”, con le tre sedi di Cuneo (Corso Giolitti 3), Novara (Corso Cavour 18) e Genova (Via Fieschi 6). Grazie ad un’organizzazione più diffusa sul territorio, sarà possibile servire e sviluppare i clienti di più elevato standing che non gravitano necessariamente sui maggiori centri urbani, con un team composto da 18 professionisti: responsabile di sede, private banker, personale operativo ed amministrativo. Insieme alle strutture di Direzione, metteranno a disposizione degli investitori le migliori competenze della Divisione Private Banking e dell’intero Gruppo Intesa Sanpaolo. Il modello di servizio è costruito, infatti, per integrare e supportare competenze intersettoriali, condividendo le best practice di Gruppo e proponendo soluzioni di asset management, private insurance, corporate & investment banking, servizi fiduciari e portafogli specializzati, anche nei comparti alternativi.

Intesa Sanpaolo Private Banking, parla il Direttore Generale,  Saverio Perissinotto

“Confermando la scelta di puntare su centri di eccellenza, distribuiti in Italia in modo sempre più capillare riteniamo di poter rispondere ancor più efficacemente alle specifiche necessità di tutela del patrimonio complessivo dei clienti di fascia alta. Grazie alla crescente collaborazione tra banker sul territorio e professional di sede, riusciremo a proporre un servizio di elevata qualità, volto a consolidare e a sviluppare nel tempo la relazione con il cliente e l’intero gruppo famigliare, anche in ottica intergenerazionale. Una scelta che ci ha premiato anche nel 2018 quando, su un totale di masse amministrate da Intesa Sanpaolo Private Banking pari a 99,1 mld, il comparto HNWI ha rappresentato il 47%, con circa 5.000 gruppi familiari serviti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Copernico Sim, la rivoluzione della consulenza evoluta

Quando la consulenza è una questione morale

Fineco, il titolo inciampa dopo il dietrofront di BlackRock

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

Reti e consulenza, i pionieri della fee only

Dal prodotto al servizio: la consulenza finanziaria income based

Consulenza indipendente: botta e risposta con il neo Vice Presidente di AssoSCF

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Consulenti, i CF webinars sbarcano al Salone del Risparmio

ITForum Rimini 2019: Programma formativo sempre più ricco

Reti, raccolta ancora in marcia. Riparte il gestito

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Reti e controversie, ecco quelle più coinvolte

Cosa Banksy può insegnare a un consulente finanziario

Scm Sim, la perdita triplica

Reti: come emozioni e scelte di investimento impattano sull’offerta

Consulenza, due contratti che sono due incubi

Consulenti autonomi e scf, c’è il corso di sopravvivenza

Questionari Mifid 2, i principi Esma sono ancora un miraggio

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Il consulente incompetente

Azimut, ecco il nuovo dream team

Consulenza: ritorno al futuro

Consulenza e trasparenza costi: una polemica sterile

Consulenza, ecco le linee guida per l’informativa su costi ed oneri

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Ocf: nuovo comitato consultivo, buona la prima

La consulenza deve diventare grande

Commissioni sulle performance, il fardello italiano

Mediolanum, cosa significa essere Private Banker

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Fideuram Ispb: in due mesi 24 ingressi

Ti può anche interessare

Malta, il 61% dei consulenti non supera l’esame sulle criptovalute

Solo 98 su 250 candidati sono riusciti ad ottenere il punteggio minimo, quindi il 61% non è riuscit ...

Investimenti in oro: è corsa verso il bene rifugio

Dietro all'accelerata delle quotazioni c'è un piano di acquisto delle principali banche centrali ...

Allianz Italia, buona partenza per il 2018

I premi Vita e Danni sono ammontati nel primo trimestre 2018 a 3,8 miliardi di euro (+1,8%) e l’ut ...