Obbligazioni, SocGen: nuova obbligazione SG Positive Impact Finance

A
A
A
Avatar di Redazione26 febbraio 2019 | 14:30

Societe Generale, sostenitore e firmatario sin dal 2015 del Positive Impact Manifesto dell’Environment Programme Finance Initiative dell’ONU (UNEP FI), conferma la sua attenzione agli investimenti sostenibili e propone sul mercato italiano una nuova Obbligazione Positive Impact Finance.

Il nuovo bond, garantito da Societe Generale, è disponibile sul mercato primario dal 26 Febbraio al 26 Marzo 2019 tramite 4 primari istituti in Italia quali Banca Monte dei Paschi di Siena SpA, Banca Generali SpA, Deutsche Bank SpA e Banca del Piemonte SpA. Questa obbligazione coniuga opportunità di rendimento e attenzione alla sostenibilità da due punti di vista:

  • in primis l’obbligazione è collegata ad un innovativo indice azionario composto da società che contribuiscono tramite le loro attività al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs) promossi dalle Nazioni Unite;
  • inoltre, Societe Generale si impegna a mantenere nei propri bilanci un ammontare di attivi investiti nel Positive Impact Finance pari al 100% del valore nominale delle obbligazioni in circolazione, per tutta la loro durata di vita. Il monitoraggio degli attivi investiti nel Positive Impact Finance è realizzato sia da Societe Generale attraverso il processo di gestione del rischio ambientale e sociale di Gruppo, sia da Vigeo Eiris, ente indipendente e pioniere nella ricerca ESG.

Il Positive Impact Finance rappresenta un’evoluzione nel campo degli investimenti sostenibili in quanto pone attenzione non solo al contributo positivo che un investimento può avere su uno o più dei tre pilastri dello sviluppo sostenibile (economico, sociale, ambientale) ma si focalizza anche sull’identificazione e la mitigazione di eventuali impatti negativi.

L’obbligazione è denominata in dollari USA, ha una durata di 3 anni e prevede la garanzia del 100% del Valore Nominale in USD a scadenza. Societe Generale (rating S&P A, Moody’s A1, Fitch A***) opera in qualità di Garante delle obbligazioni*.

Per quanto riguarda il profilo cedolare, ciascuna obbligazione corrisponde una cedola lorda fissa del 2% ogni anno per i primi due anni e prevede, il terzo anno (a scadenza), una cedola pari alla performance, se positiva, dell’indice azionario Solactive Sustainable Development Goals Impact, che è composto da un paniere dinamico di 20 azioni selezionato sia tramite filtri qualitativi di contribuzione agli SDGs delle Nazioni Unite ed escludendo società che presentano impedimenti al raggiungimento di tali Obiettivi, sia secondo criteri quantitativi di selezione High Dividend e Momentum.

Vincenzo Saccente, Managing Director presso Societe Generale in Italia, ha commentato: “La crescente sensibilità degli investitori verso le tematiche di sviluppo sostenibile e le expertise del Gruppo Societe Generale in questo ambito ci hanno consentito di mettere a disposizione di importanti collocatori italiani questa obbligazione Positive Impact Finance, che coniuga opportunità di rendimento su una scadenza triennale e contributo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Widiba, la cultura finanziaria va al mare

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Deutsche Bank, la borsa premia la cura-choc

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Banche, lo spread regala un miliardo

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Ubi Banca va di nuovo a canestro

Reti, Banca Consulia tratta con Unica Sim

Banca Generali e la festa dei bambini a Citylife

CheBanca!, reclutamento senza sosta

Reti, ora la fee è (quasi) una certezza

Banche, l’Italia è un modello virtuoso

BlackRock-Carige, niente nuovi esuberi

Fineco si gode private banking e indipendenza

Banche, la politica ammazza l’utile

Dossier reclutamento – Widiba

Dossier reclutamento – IWBank PI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Ti può anche interessare

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

L’head of Advisory Clients Ruggiu spiega i piani per la rete dei consulenti ...

Eurizon, viva il Lussemburgo

Dalla management company del Granducato un cedolone di 270 milioni, oltre la metà del profitto del ...

Mps, i 2 paperoni di Widiba

Due super consulenti hanno guadagnato nel 2018 fra 1 e 1,5 milioni. Più di Morelli, a.d. e d.g. del ...