Obbligazioni, SocGen: nuova obbligazione SG Positive Impact Finance

A
A
A
Avatar di Redazione26 febbraio 2019 | 14:30

Societe Generale, sostenitore e firmatario sin dal 2015 del Positive Impact Manifesto dell’Environment Programme Finance Initiative dell’ONU (UNEP FI), conferma la sua attenzione agli investimenti sostenibili e propone sul mercato italiano una nuova Obbligazione Positive Impact Finance.

Il nuovo bond, garantito da Societe Generale, è disponibile sul mercato primario dal 26 Febbraio al 26 Marzo 2019 tramite 4 primari istituti in Italia quali Banca Monte dei Paschi di Siena SpA, Banca Generali SpA, Deutsche Bank SpA e Banca del Piemonte SpA. Questa obbligazione coniuga opportunità di rendimento e attenzione alla sostenibilità da due punti di vista:

  • in primis l’obbligazione è collegata ad un innovativo indice azionario composto da società che contribuiscono tramite le loro attività al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs) promossi dalle Nazioni Unite;
  • inoltre, Societe Generale si impegna a mantenere nei propri bilanci un ammontare di attivi investiti nel Positive Impact Finance pari al 100% del valore nominale delle obbligazioni in circolazione, per tutta la loro durata di vita. Il monitoraggio degli attivi investiti nel Positive Impact Finance è realizzato sia da Societe Generale attraverso il processo di gestione del rischio ambientale e sociale di Gruppo, sia da Vigeo Eiris, ente indipendente e pioniere nella ricerca ESG.

Il Positive Impact Finance rappresenta un’evoluzione nel campo degli investimenti sostenibili in quanto pone attenzione non solo al contributo positivo che un investimento può avere su uno o più dei tre pilastri dello sviluppo sostenibile (economico, sociale, ambientale) ma si focalizza anche sull’identificazione e la mitigazione di eventuali impatti negativi.

L’obbligazione è denominata in dollari USA, ha una durata di 3 anni e prevede la garanzia del 100% del Valore Nominale in USD a scadenza. Societe Generale (rating S&P A, Moody’s A1, Fitch A***) opera in qualità di Garante delle obbligazioni*.

Per quanto riguarda il profilo cedolare, ciascuna obbligazione corrisponde una cedola lorda fissa del 2% ogni anno per i primi due anni e prevede, il terzo anno (a scadenza), una cedola pari alla performance, se positiva, dell’indice azionario Solactive Sustainable Development Goals Impact, che è composto da un paniere dinamico di 20 azioni selezionato sia tramite filtri qualitativi di contribuzione agli SDGs delle Nazioni Unite ed escludendo società che presentano impedimenti al raggiungimento di tali Obiettivi, sia secondo criteri quantitativi di selezione High Dividend e Momentum.

Vincenzo Saccente, Managing Director presso Societe Generale in Italia, ha commentato: “La crescente sensibilità degli investitori verso le tematiche di sviluppo sostenibile e le expertise del Gruppo Societe Generale in questo ambito ci hanno consentito di mettere a disposizione di importanti collocatori italiani questa obbligazione Positive Impact Finance, che coniuga opportunità di rendimento su una scadenza triennale e contributo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Ti può anche interessare

2019: tempo di nuove grandi Ipo 

Da Esselunga a Valentino. Passando per l'ipotesi Fs. Per il numero uno di Borsa italiana il 2019 pot ...

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

La meta più gettonata è Francoforte ...

La Commissione Ue chiede la patrimoniale all’Italia

Bruxelles vorrebbe il ritorno della tassa sulla prima casa per i redditi più alti ...