Cina, il Dragone ha perso le ali e prevede meno crescita

A
A
A

Le stime del Pil per il 2019 sono comprese tra il 6 e il 6,5% e rappresentano il livello più basso da 30 anni.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena6 marzo 2019 | 09:37

La guerra Usa-Cina ha indebolito le ali del Dragone le cui stime del Pil per il 2019 comprese tra il 6 e il 6,5% rappresentano il livello più basso da 30 anni. Davanti a tremila delegati della Plenaria del Parlamento, il premier cinese Li Keqiang ha parlato di una “dura battaglia” e dieci mesi di incognite dove non sembra esserci spazio per prospettive rosee. d’altronde, consumi e investimenti sono deboli e le aziende sono a corto di liquidità. E poi il deficit: quello del Governo centrale si è assestato a 2.760 miliardi di yuan all’anno con un aumento di 380 miliardi nel 2018 e un rapporto deficit Pil che salirà dal 2,6 al 2,8%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, Pechino va al contrattacco sui T-bond

Guerra dei dazi, tregua di Trump sulle auto

Dazi: la guerra che ammazza Wall Street

Ti può anche interessare

Ricerca Efpa Italia: il consulente finanziario passato ai raggi x

Al via la seconda edizione del questionario volto a capire le dinamiche del mestiere in Europa ...

BlackRock sedotta dal Dragone: le ragioni per investire in azioni cinesi

Un report del più grande asset manager al mondo descrive opportunità e rischi sul mercato azionari ...

Esma, un anno all’insegna di Mifid 2

L'autorità ha pubblicato il report annuale sull'attività ...