Mifid 2, continua lo scontro sulla trasparenza

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 11 Marzo 2019 | 10:55
Soltanto il 30% degli italiani ha una comprensione esaustiva della normativa e dei propri diritti

In base a uno studio dell’Esma, citato dal quotidiano La Stampa, solo il 30% degli italiani ha una comprensione della normativa Mifid 2 tale da fargli capire quali siano i suoi diritti e come è possibile esercitarli. Un dato che colpisce, mentre nel frattempo sullo sfondo continuano gli scontri sulla normativa europea, che impone la trasparenza su costi e funzionamento dei prodotti finanziari. Da una parte ci sono le associazioni degli intermediari finanziari, come Assosim, Assoreti, Abi e Assogestioni che chiedono chiarimenti su come redigere i nuovi rendiconti e un eventuale rinvio dell’applicazione della normativa, dall’altra ci sono Esma e Consob. Con quest’ultima che la scorsa settimana ha richiamato gli intermediari all’osservanza sulla normativa vigente che, in teoria, avrebbe dovuto essere applicata a partire dal 3 gennaio 2017. Dopo i tanti ritardi però, salvo colpi di scena, il prossimo 31 marzo sarà il termine ultimo per mandare i nuovi rendiconti ai clienti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mifid 2, meno burocrazia per gli intermediari. Entro luglio nuove potenziali novità anche per i cf

Rendiconti Mifid 2, ecco chi è Speedy Gonzales

Rendiconti Mifid 2, cambiamoli così

NEWSLETTER
Iscriviti
X