Brexit, i big del credito evitano l’Italia

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 11 Marzo 2019 | 12:54
La meta più gettonata è Francoforte

Mentre inizia la settimana decisiva per la Brexit, sono già sette le grandi istituzioni finanziarie che hanno lasciato Londra. Lo riporta l’inserto Economia del Corriere della Sera. L’Italia sperava che almeno alcuni decidessero di trasferirsi a Milano, ma così non è stato. La più grande, Hsbc, ha deciso di traslocare a Parigi, un’altra è andata a Bruxelles. Altre due hanno scelto Dublino attratte dai vantaggi fiscali. E, infine, la piazza più gettonata è stata Francoforte, in Germania, che è stata scelta da tre grandi istituti finanziari. Il nostro Paese resta a secco. Guido Rosa, presidente dell’associazione delle banche estere in Italia, si è detto “amareggiato per l’ennesima occasione persa” poiché i trasferimenti di questi istituti finanziari a Milano avrebbe portato non solo al cambio di sede legale, ma, a cascata, “il naturale trasferimento di molte altre attività”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, ora è realtà

Elezioni UK, vince Johnson e Trump festeggia: È l’ora della Brexit?

Brexit, è ancora rinvio

Brexit, si va verso la proroga

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Brexit, fine della telenovela: c’è l’accordo

Brexit e guerra dei dazi frenano i mercati

Brexit, mazzata su Johnson: “Lo stop del Parlamento è illegale”

Brexit, ora tutto è in mano alla Corte Suprema

Brexit, doppia bordata a Johnson

Brexit, Johnson chiude il Parlamento fino al 14 ottobre

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Ti può anche interessare

Conti correnti, come salvarsi dalla guerra al contante

Anche in Italia è partita ufficialmente la guerra all’uso dei contanti. Portata avanti su due ...

ConsulenTia19, segui la diretta Twitter

E’ iniziata a Bologna l’edizione autunnale di  ConsulenTia19, la manifestazione organiz ...

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Dopo che Unione Europea e Gran Bretagna hanno trovato l’accordo in merito alla Brexit, piovono ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X