Derivati, ora più poteri a Esma

A
A
A
Avatar di Redazione15 marzo 2019 | 11:58

Parlamento e Consiglio hanno trovato un accordo per attribuire a Esma, la Consob europea, la vigilanza sulle controparti centrali di Paesi terzi in attività con soggetti all’interno dell’Unione europea in tema di derivati. A quanto si legge su Il Sole 24 Ore, il nuovo regime potrebbe entrare in vigore in ottobre. A subire di più le conseguenze di questa riforma potrebbe essere Londra, importante piazza finanziaria e capitale del Regno Unito che è ormai prossimo alla Brexit. Dal prossimo 29 marzo, a ora data prefissata per l’uscita del Regno Unito dalla Ue, la Commissione ha deciso di adottare un regime transitorio di un anno. Questo permetterà di continuare a operare in Europa.


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

Ti può anche interessare

MSCI include nell’indice le A-Share: perché è importante

Dal 1° giugno di quest’anno, MSCI, index provider globale, ha incluso 234 azioni di classe A nel ...

Mercati, correzione o cambio di trend?

Numerose analisi hanno evidenziato come le valutazioni dei mercati finanziari siano ai massimi stori ...

Il “buy” del consulente – 19/10/18, da Anima Holding a Telecom Italia

Articolo a cura di Finanza Operativa Per gli analisti di Kepler Cheuvreux valgono un buy Banca S ...