Certificati, Vontobel: sul SeDeX il primo Tracker Certificate Impact Investing

A
A
A
Avatar di Redazione 29 Marzo 2019 | 10:27

Gli investimenti sostenibili hanno visto negli ultimi anni una crescita costante, sulla spinta di sempre più sentite esigenze di stampo ambientale e demografico, nonché sull’onda di nuove normative e di nuovi di modelli di consumo (ad esempio, l’86% dei millennial considera sia più importante investire in modo sostenibile rispetto a 5 anni fa). Questo trend ha portato a una crescita esponenziale dell’offerta di prodotti fondati su un approccio ESG, che però ha toccato in modo solo marginale il mondo dei certificati quotati.

In questo contesto, Vontobel – player di primaria grandezza a livello europeo nel campo dei Certificati – fa un passo “oltre l’approccio ESG” e quota il primo Tracker Certificate Impact Investing. Rispetto all’approccio ESG, l’impact investing ha l’obiettivo di offrire rendimenti con una maggiore attenzione all’impatto che l’investimento ha sull’ambiente e/o sulla società, che deve essere non solo positivo ma anche misurabile.

Con questa nuova emissione, Vontobel conferma il suo forte commitment con i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU”, ha commentato Francesca Fossatelli, Responsabile Public Distribution Italy di Vontobel Investment Banking. “La sostenibilità non è solo parte integrante della cultura aziendale di Vontobel, che infatti ha firmato il Carbon Disclosure Project ed è carbon neutral dal 2009, ma si riflette anche nei prodotti e processi della banca concepiti per essere il più possibile rispettosi del clima e per promuovere la protezione dello stesso.”

Il certificato replica il MSCI World IMI Select Sustainable Impact Top 20 Index, un indice composto da 20 società dei Paesi sviluppati, equiponderati al 5%, con le seguenti caratteristiche:

  • Almeno il 50% del fatturato generato in uno dei seguenti temi di impatto sostenibile: sanità, energia alternativa, approvvigionamento idrico, architettura sostenibile, energia efficiente, istruzione, finanziamento di piccole e medie imprese, prevenzione inquinamento, trattamento malattie gravi, nutrizione;
  • Rating ESG di MSCI non inferiore ad A e nessun coinvolgimento nelle principali controversie internazionali e in business non ESG (ad esempio tabacco, oil&gas, carbone, OGM, armi);
  • Alto punteggio su tre variabili finanziarie: RoE, rapporto debito/equity, variabilità degli utili;
  • Capitalizzazione di mercato ≥ 500 milioni di dollari e volume medio giornaliero scambiato ≥ 2 milioni di dollari negli ultimi tre mesi.

Per ognuno dei dieci temi “Impact” descritti, vengono scelte le società con i punteggi più alti. Al momento nell’indice sono inseriti 10 titoli statunitensi, 4 britannici, 3 giapponesi, 1 australiano, 1 danese e 1 norvegese. In dettaglio, si tratta di:

  • First Solar (energia alternativa)
  • Benesse Holding Inc. e Pearson PLS (istruzione)
  • Ormat Technologies Inc., Rockwell Automation Inc. e VMware Inc. (energia efficiente)
  • Berkeley Group Holdings PLC e Crest Nicholson Holdings PLC (architettura sostenibile)
  • Amgen Inc., CSL Limited, Novo Nordisk A/S e Shionogi & Co. Ltd. (trattamento malattie gravi)
  • Hormel Foods Corp. e Mowi ASA (nutrizione)
  • Johnson Matthey PLC e Tenneco Inc. (prevenzione inquinamento)
  • Procter & Gamble Co. e TOTO Ltd. (sanità)
  • Badger Meter Inc. e Franklin Elect25ric Co., Inc (approvvigionamento idrico)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, emergenti pronti a nuovi record

Asset allocation: 4 spunti per diversificare il portafoglio

Investimenti, bisogna avere fede…nei tassi di sconto bassi

NEWSLETTER
Iscriviti
X