Dl Crescita, ribellione per la norma sulle Casse previdenziali

A
A
A
Avatar di Redazione9 aprile 2019 | 10:53

Gli enti previdenziali non ne vogliono sapere. Per loro è troppo ambizioso l’obiettivo del decreto Crescita che prevede, per accedere alla detassazione dei rendimenti sugli investimenti in economia reale, l’investimento del 3,5% del proprio patrimonio in venture capital, attraverso l’acquisto di azioni, o quote di fondi dedicati. Come riporta Milano Finanza, si parla di una cifra superiore ai 2,6 miliardi di euro. Il risultato è che per Casse come quella dei medici o degli avvocati, si tratterebbe di investire qualche centinaio di milioni su un comparto rischioso e poco liquido. Pertanto, ci sarebbero pressioni sul governo per una modifica all’obbligo, in modo da aprire la possibilità d’investimento nel private equity di piccole e medie imprese in cambio dei benefici fiscali.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il fisco strizza l’occhio alle aggregazioni

Dl crescita, il governo trema

Ti può anche interessare

Mercati, la Turchia non è il vero spauracchio

Dalla Turchia contagio limitato, ma sugli emergenti pesano altre preoccupazioni… ...

Fed: i tassi negli Usa saliranno ancora

Le prossime mosse della banca centrale ...

Borsa italiana, quotazione più facile per le Pmi

Accordo raggiunto tra Parlamento, Consiglio e Commissione per aiutare il finanziamento delle Pmi in ...