Dl Crescita, ribellione per la norma sulle Casse previdenziali

A
A
A
Avatar di Redazione 9 Aprile 2019 | 10:53

Gli enti previdenziali non ne vogliono sapere. Per loro è troppo ambizioso l’obiettivo del decreto Crescita che prevede, per accedere alla detassazione dei rendimenti sugli investimenti in economia reale, l’investimento del 3,5% del proprio patrimonio in venture capital, attraverso l’acquisto di azioni, o quote di fondi dedicati. Come riporta Milano Finanza, si parla di una cifra superiore ai 2,6 miliardi di euro. Il risultato è che per Casse come quella dei medici o degli avvocati, si tratterebbe di investire qualche centinaio di milioni su un comparto rischioso e poco liquido. Pertanto, ci sarebbero pressioni sul governo per una modifica all’obbligo, in modo da aprire la possibilità d’investimento nel private equity di piccole e medie imprese in cambio dei benefici fiscali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il fisco strizza l’occhio alle aggregazioni

Fondi Eltif, emendamento al Decreto Crescita per introdurre incentivi fiscali

Esenzione fiscale del 90% per 10 anni: è sufficiente per attrarre lavoratori non residenti?

NEWSLETTER
Iscriviti
X