Def, la flat tax resta sulla carta

A
A
A

La crescita quasi piatta certificata dal Def varato da Palazzo Chigi porta il debito tendenziale al 132,8% del Pil.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena10 aprile 2019 | 10:45

La crescita (quasi flat) certificata dal Def varato da Palazzo Chigi porta il debito tendenziale al 132,8% del Pil. Lega e M5S faticano a trovare l’intesa sul taglio delle tasse per il ceto medio, tanto che l’ipotesi di flat tax con due aliquote del 15 e del 20% ha evidenziato la volontà che della riduzione fiscale benefici i ceto medio. Sul blocco dell’Iva resta la tensione tra il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, e i ministri del M5S. Le incognite non mancano e Di Maio ha voluto precisare ieri il perimetro del nuovo fisco: “C’è tutto il mio sostegno solo se sarà rivolta a ceto medio, famiglie e imprese“. Per Salvini invece: “la Flat tax si farà. E non c’è alcuna retromarcia su Quota Cento”.

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bankitalia: lo spread è una mannaia per il Pil

Def, Tria spinge per misure pro-crescita, ma M5S vuole aspettare. E’ scontro

Mercati, il Def spaventa gli operatori

Ti può anche interessare

BlackRock, valzer di poltrone

Mark Wiedman, capo degli Etf e dei prodotti indicizzati, nominato head of international and corpora ...

Manovra, dismissioni immobiliari per finanziarla

La risposta del governo italiano alle osservazioni dell’Europa sulla Legge di Bilancio ...

Carmignac risponde sul caso del fisco francese

La nota della società sulla notizia diffusa da Le Monde ...