Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri12 aprile 2019 | 10:58

Dopo una telenovela durata diversi mesi, alla fine i ventisette Paesi dell’Unione europea hanno dato il via libera al rinvio della Brexit al prossimo 31 di ottobre. Una decisione sofferta, che potrebbe portare in dote diversi grattacapi a Bruxelles. In questi 6 mesi di transizione verso la Brexit, la Gran Bretagna continuerà a essere un membro a tutti gli effetti, quindi dovrà partecipare alle prossime elezioni europee, finendo per incidere sui processi decisionali dell’Unione. Fermo restando che la premier Theresa May si è impegnata a siglare l’accordo di uscita entro il 22 maggio, quindi prima delle elezioni in calendario per il 26, ma non è un obiettivo facile da raggiungere considerando che il precedente accordo è stato bocciato per ben tre volte dalla Camera dei Comuni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Ti può anche interessare

Il “buy” del consulente – 05/11/18

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...

Gestori in vetrina – Aviva Investors

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Paolo Sarn ...

Allarme debito, l’aumento Iva è una necessità

L’allarme debito non è più solo un allarme, ma un’amara certezza. Secondo le ultime st ...