Mps e i preparativi per le nozze

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 12 Aprile 2019 | 12:10

Si apre la partita dell’aggregazione di Mps con altri istituti bancari. Proprio ieri, Marco Morelli, amministratore delegato del Gruppo senese controllato al 70% dal Tesoro, ha confermato che il consiglio d’amministrazione ha già iniziato a valutare “prospettive di scenari su aggregazioni o diversificazioni dimensionali”. A causa delle regole europee, l’operazione dovrà infatti avvenire entro al 2021. Motivo per cui lo Stato dovrà comunicare a Bruxelles il suo piano di uscita dall’istituto entro la fine dell’anno. Intanto per ingolosire eventuali player italiani ed esteri, Mps punta a smaltire ulteriormente il suo stock di crediti deteriorati. Per questo, come riporta MF, starebbe maturando l’idea di una maxi pulizia dell’attivo, che potrebbe portare a mettere sul mercato fino a 10 miliardi di crediti deteriorati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mps, i 2 paperoni di Widiba

Mps, confermati Morelli e Falciai

Widiba sempre più in perdita

Ti può anche interessare

Borsa Italiana, la Consob vieta le vendite allo scoperto per tre mesi

La Consob interviene in modo ancor più deciso sulle vendite allo scoperto. Infatti, dopo i provvedi ...

Banca Generali, perché i profitti vanno a gonfie vele

Mediobanca promuove il titolo della società guidata da Gian Maria Mossa. Contributo importante alla ...

Azimut, impennata di utili e ricavi

Fatturato (+36%) e profitti (+244%) in forte aumento per il gruppo guidato da Pietro Giuliani. ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X