Mps e i preparativi per le nozze

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 12 Aprile 2019 | 12:10

Si apre la partita dell’aggregazione di Mps con altri istituti bancari. Proprio ieri, Marco Morelli, amministratore delegato del Gruppo senese controllato al 70% dal Tesoro, ha confermato che il consiglio d’amministrazione ha già iniziato a valutare “prospettive di scenari su aggregazioni o diversificazioni dimensionali”. A causa delle regole europee, l’operazione dovrà infatti avvenire entro al 2021. Motivo per cui lo Stato dovrà comunicare a Bruxelles il suo piano di uscita dall’istituto entro la fine dell’anno. Intanto per ingolosire eventuali player italiani ed esteri, Mps punta a smaltire ulteriormente il suo stock di crediti deteriorati. Per questo, come riporta MF, starebbe maturando l’idea di una maxi pulizia dell’attivo, che potrebbe portare a mettere sul mercato fino a 10 miliardi di crediti deteriorati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Widiba, il consulente milionario tra bonus e incentivi

Mps, i 2 paperoni di Widiba

Mps, confermati Morelli e Falciai

NEWSLETTER
Iscriviti
X