Dl crescita, il governo trema

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia23 aprile 2019 | 10:21

Dl crescita, si cerca una via di uscita sul “Salva-Roma”

La tregua di Pasqua tra M5S e Lega sembra essere già giunta al termine.  Nelle prossime ore, il decreto crescita approderà sul tavolo del Consiglio dei ministri, ma lo scontro per la norma “Salva Roma”, che riguarda il debito storico di Roma e contenuta nel dl, non sembra attenuarsi. Da un lato i Cinque Stelle premono per mantenere la norma mentre la Lega preferirebbe di gran lunga depennarla.

Decreto crescita oggi in Cdm, ma è scontro sul “Salva Roma”

La direttiva prevede la chiusura dal 2021 della gestione commissariale del maxi debito pregresso da 12 miliardi della Capitale. Alla fine sembra comunque che la norma resterà nel testo, nonostante la frattura tra M5s e Lega, ma prende quota l’ipotesi di compromesso di allargare ‘l’ombrello di salvataggio’ anche agli altri comuni a rischio dissesto. Questa possibilità verrebbe inserita nel corso della conversione del provvedimento da parte del parlamento.

“Sul cosiddetto salva Roma la Lega forse non ha capito di cosa si tratta, visto che parliamo della chiusura di un commissariamento a costo zero che permetterà ai romani di non pagare più gli interessi su un debito vecchio di 20 anni che creò proprio il centrodestra con Berlusconi al governo.” Così affermano alcune fonti del Movimento 5 Stelle.

2


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il fisco strizza l’occhio alle aggregazioni

Dl Crescita, ribellione per la norma sulle Casse previdenziali

Ti può anche interessare

Spread in ribasso, le banche respirano

Aria fresca per le banche italiane. Il drastico calo dello spread tra Btp e Bund si è tradotto in u ...

CheBanca!, le fee e gli incentivi ai consulenti

Nella relazione sulla remunerazione della capogruppo Mediobanca vengono esposte le politiche retrib ...

Banca Generali e una quota che fa discutere

In momento caratterizzato dal recente “clamore” del disinvestimento di Unicredit in Fine ...