Mercati emergenti, cavallo vincente del 2019?

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia23 aprile 2019 | 12:16

Le economie dei mercati emergenti stanno già superando quelle delle controparti sviluppate. E saranno ulteriormente favorite da un rimbalzo.

Questo è ciò che si evince dall’approfondimento “Fixed Income: previsioni per le obbligazioni dei mercati emergenti”, a cura di Mary-Therese Barton (nella foto), Head of Emerging Market Debt di Pictet Asset Management.

Le obbligazioni dei mercati  emergenti (ME) oggi sono in una posizione ottimale rispetto allo scorso anno, il quale è stato un anno abbastanza complicato anche sotto questo aspetto.

Due sono i fattori che inducono a formulare un giudizio così positivo. Innanzitutto, sebbene l’economia globale sia in rallentamento, le economie emergenti stanno andando relativamente meglio rispetto alle controparti sviluppate. In secondo luogo, i governi di tutto il mondo stanno attuando politiche mirate a stimolare la crescita. Storicamente, gli attivi dei mercati emergenti tendono a sovraperformare in entrambi questi contesti economici.

L’indicatore anticipatore mondiale, che si occupa di prevedere cosa potrebbe succedere alla crescita globale, ha registrato una brusca tendenza al ribasso dal picco del 2017. Ma, sebbene le previsioni si siano indebolite anche per i mercati emergenti, il grosso del rallentamento globale è riconducibile alle economie sviluppate.

La serie di rialzi dei tassi operata dalla Federal Reserve statunitense fino allo scorso dicembre, l’atteggiamento belligerante del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump riguardo al commercio mondiale, i cambiamenti nella domanda globale di automobili, oltre a problemi più legati a singoli Paesi come l’incertezza politica di Italia e Regno Unito, hanno fatto sì che le economie sviluppate scalassero una marcia.

Inoltre il grosso del rallentamento dei mercati emergenti si è concentrato in Turchia e Argentina – due Paesi che hanno sofferto ferite economiche autoinflitte.

Di conseguenza, il differenziale di crescita delle economie emergenti rispetto alle controparti sviluppate è aumentato considerevolmente lo scorso anno fino a raggiungere un divario che è adesso ai massimi dal 2013.

È importante poiché in periodi in cui l’economia globale ha subito un rallentamento non uniforme, con le economie in via di sviluppo che hanno sovraperformato, le valute dei mercati  emergenti si sono apprezzate sul dollaro – a un ritmo dell’1,7% l’anno in media.

Mercati emergenti: pronti per un rimbalzo

Non è solo la Fed ad avere iniziato a reagire al rallentamento globale. La Banca Centrale Europea sta riprendendo le operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine  per le banche (TLTRO – targeted longer-term refinancing operation), nell’ottica di sostenere l’economia dell’eurozona, attualmente in arresto.

Ma ancora una volta, è la Cina la principale fonte di stimoli derivanti da una politica monetaria aggressiva. Con l’obiettivo di far ripartire i prestiti ai privati, infatti, la People’s  Bank of China ha ridotto di cinque volte il coefficiente di riserva obbligatoria delle banche nel corso del 2018; e ulteriori tagli sono previsti nei prossimi mesi. Contemporaneamente, il governo cinese ha bruscamente aumentato gli investimenti in infrastrutture, dopo averli tagliati nel 2018.

Tra i Paesi emergenti, troviamo particolarmente interessante il Brasile, la cui agenda delle riforme varata dal nuovo governo ha contribuito a riportare  l’attenzione sui fondamentali positivi del Paese. In effetti, apprezziamo l’America Latina in generale.

Per contro, le economie con grandi squilibri, non ultime Turchia e Argentina, sono destinate a rimanere vulnerabili a brusche correzioni.

Il quadro  complessivo suggerisce, quindi, che dopo le turbolenze del 2018, molti Paesi dei mercati emergenti dovrebbero beneficiare della loro forza relativa rispetto ai Paesi sviluppati, insieme alle prospettive realistiche di una ripresa generalizzata più avanti nel corso dell’anno.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cina, la regina dei mercati emergenti

Jupiter AM: “Il tesoro nascosto dei mercati emergenti”

UBP: mercati emergenti, chi vince e chi perde nel 2019

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Cambiano gli emergenti nel portafoglio

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

Qatar isolato dopo attentato londinese

Seul testa sistema di pagamento digitale per polizze sanitarie

S&P Global Ratings: la volatilità è destinata a rimenere alta sugli emergenti

Scandalo 1MDB, le autorità di Singapore fanno scattare le prime sospensioni

6 titoli asiatici ad alto dividendo che piacciono a Barron’s

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Asia: nel 2017 ci si attende un aumento dei fallimenti

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Petrolio troppo a buon mercato, l’Arabia Saudita deve emettere bond

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Mercati emergenti, la settimana si preannuncia volatile

Fitch Ratings: paesi sviluppati tornano a frenare, meglio gli emergenti

Fitch Ratings: Brasile in recessione anche quest’anno

Mosca torna a parlare con Kiev dei bond finiti in default

Torna la voglia di mercati emergenti, in Europa brillano Milano e Madrid

G20 di Hangzhou, per Pechino un successo solo a metà

Israele lascia i tassi invariati per il 19esimo mese consecutivo

Axa vuole crescere ancora in Cina

Cala il rendimento del fondo sovrano di Abu Dhabi

Turchia: Goldman Sachs invita alla prudenza

Arabia Saudita valuta lancio emissioni obbligazionarie

Ti può anche interessare

Quer pasticciaccio brutto de l’Europa tedesca

Ci sono crepe nel muro tedesco. Specie se si parla di Brexit ...

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 27/03/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Economia mondiale: una montagna di debito ci seppellirà

Tutti parlano di guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina, la vera minaccia però è il debito delle d ...