Istat, la rivincita del mattone

A
A
A
Roberta Maddalena di Roberta Maddalena 24 Aprile 2019 | 09:50
Per l’Istat il mercato immobiliare guadagna velocità e a fine 2018 recupera i valori di compravendita del 2010.

Per l’Istat il mercato immobiliare guadagna velocità e a fine 2018 recupera i valori di compravendita del 2010. E questo soprattutto grazie alle regioni del Nord. Nel dettaglio, il 2018 ha fatto registrare rispetto all’anno precedente una ripresa del 4,7% per il totale della compravendita con il settore abitativo (+5,5%) che supera quello economico (-5,8%).

L’incremento congiunturale interessa tutte le aree geografiche del Paese sia per il settore abitativo (Nord-ovest +5,5%, Nord-est +4,7%, Centro +4,4%, Sud +2,8% e Isole +1,8%) sia per l’ economico (Nord-ovest +22,1%, Isole +8,2%, Sud +6,7%, Centro +4,6% e Nord-est +3,9%).

Il 93,9% delle convenzioni stipulate riguarda trasferimenti di proprietà di immobili a uso abitativo e accessori (216.173), il 5,6% a uso economico (12.931) e lo 0,5% a uso speciale e multiproprietà (1.154).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fatturato industriale a -11,5% nel 2020, peggiore risultato dal 2009

Pil Italia, l’Istat rivede la crescita del terzo trimestre. E il 2021 andrà peggio del previsto

Effetto Covid, persi 500mila posti di lavoro. Ed è solo l’inizio

NEWSLETTER
Iscriviti
X