Le banche centrali puntano sull’oro

A
A
A
Avatar di Redazione 2 Maggio 2019 | 14:30
La domanda di metallo prezioso è cresciuta del 7% rispetto a un anno fa. Le banche centrali hanno acquistato 145,5 tonnellate d’oro nei primi tre mesi del 2019.

La paura per un’economia in frenata ha fatto aumentare la domanda mondiale di oro nei primi tre mesi del 2019. Secondo i dati diffusi dal World Gold Council, la domanda è cresciuta del 7% rispetto a un anno fa. Tra i principali acquirenti del metallo prezioso ci sono le banche centrali, che hanno acquistato 145,5 tonnellate di oro, facendo segnare un +68% che non si vedeva dallo stesso periodo del 2013. L’opinione degli analisti è che la banche centrali, a causa dell’incertezza sui mercati, stiano diversificando i loro investimenti rispetto al dollaro. Tutto questo è frutto dell’incremento del “desiderio di attività liquide e sicure” .

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, meglio l’oro del bitcoin

Asset allocation: obbligazioni e oro come ancora di sicurezza

Asset allocation: l’oro che brilla

NEWSLETTER
Iscriviti
X