Bankitalia, stress e spread frenano la crescita

A
A
A
Avatar di Redazione6 maggio 2019 | 10:23

Un paese ancora con il freno a mano. E’ l’immagine che emerge dal Rapporto sulla stabilità finanziaria numero 1 del 2019 di Bankitalia. Per il nostro paese, spiega l’autorità, “le previsioni sulla crescita del Pil sono state riviste al ribasso rispetto allo scorso novembre, sia per l’anno in corso sia per il 2020, ed è aumentata l’incertezza”.

L’alto livello del debito pubblico, osserva il rapporto “rende l’economia italiana esposta alle tensioni sui mercati finanziari e riduce la capacita’ della politica di bilancio di sostenere l’attività produttiva di fronte a fasi di rallentamento”. E le tensioni sul mercato dei titoli di Stato, pur in attenuazione, rimangono rilevanti: “L’indicatore di stress macrofinanziario dell’Italia si mantiene su livelli elevati, così come la volatilità dei corsi dei titoli di Stato e il differenziale di rendimento con i titoli tedeschi, quest’ultimo su valori superiori a quelli prevalenti nei primi mesi del 2018”, conclude Bankitalia.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fisco, parte la guerra al contante di Bankitalia

Open banking, Bankitalia detta il nuovo corso

Bankitalia, stretta sul contante

Bankitalia, meno prestiti alle imprese

Allarme di Bankitalia: il credito è a rischio

Bankitalia: investitori esteri a caccia di Bot

Bankitalia: la recessione è scampata, per ora

Bankitalia: lo spread è una mannaia per il Pil

Bankitalia: è SOS sul debito pubblico

Ubi Banca, sanzione di Bankitalia da 1,2 milioni

Allarme crescita da Bankitalia e Confindustria

Ricchezza famiglie, un terzo rimane sui conti correnti

Btp, scorpacciata delle banche

Fondi, boom di quelli esteri in Italia

Cessione del quinto, Bankitalia detta la linea

Vegagest: work in progress per Bankitalia

Cessione del quinto, Bankitalia lavora sulle linee guida

Bankitalia: a novembre sofferenze giù del 6,4%

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Rossi (Bankitalia): “Non sottovalutare i rischi dei Pir”

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Da Consob e Bankitalia le nuove norme per le sgr

Bankitalia, nel 2016 mille sportelli in meno

Bufera su Bsi in Italia

Banca Mediolanum, Fininvest deve scendere sotto il 10%

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Npl, Bankitalia: nuovi flussi ai minimi dal 2008

Bankitalia: ora i Npl varranno di più

Banche, obbligo di cambiare i 500 euro

Banca Carim, il cda rinviato a giudizio

Good bank, slitta il termine di presentazione delle offerte

CariCesena, gli ex-vertici sotto processo

Ti può anche interessare

Emergenti sotto pressione, la Cina crolla. Attesa per il post elezioni in Brasile

Tanti elementi hanno mandato possono scaldare i principali mercati di questa area ...

Gestori in vetrina – Aviva Investors

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Paolo Sarn ...

Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

L'impatto non è ancora prevedibile, ma se si guarda al 2018... ...