Fineco, via D’Onofrio dal cda. Il board nel dopo UniCredit

A
A
A

Nei giorni scorsi si è dimessa la consigliera, che sedeva ai vertici in rappresentanza della ex controllante.

Andrea Telara di Andrea Telara16 maggio 2019 | 10:50

La notizia risale al 10 maggio ma è stata diffusa con un breve comunicato nei giorni scorsi: Manuela D’Onofrio (nella foto) si è dimessa dal consiglio di amministrazione (cda) di FinecoBank. La decisione è stata presa dopo che UnCredit, di cui D’Onofrio è una top manager, ha deciso di ridurre la propria partecipazione in Fineco, abbassando la propria quota dal 35 al 18% (si veda qui la notizia). La banca guidata da Alessandro Foti è così uscita dal perimetro del gruppo UniCredit, che negli hanno scorsi ha progressivamente fatto un passo indietro nell’azionariato (fino al 2016 aveva una quota sopra il 65%).

Dentro UniCredit, D’Onofrio ricopre attualmente due cariche di primo piano: head of Group Investment and Product platform ed head of Global Investment Strategies-Private Banking Division. E’ anche condirettore generale ed head of investments and products di Cordusio, società del gruppo UniCredit che si occupa della clientela private di fascia alta. La manager appena fuoriuscita dal cda di Fineco vi era entrata nel 2016 proprio in rappresentanza della banca ex controllante.

Prima delle dimissioni  di D’Onofrio, il cda di Fineco si componeva di 9 membri. Rimane ovviamente  nel board l’amministratore delegato e direttore generale, Alessandro Foti, affiancato dal presidente Enrico Cotta Ramusino, 60 anni, che è professore di economia e gestione delle imprese all’Università di Pavia e ha ricoperto in passato diverse cariche come amministratore nel gruppo UniCredit. Poi c’è il vice-presidente Francesco Saita, 52 anni, professore di finanza alla Bocconi. Tra gli altri consiglieri di Fineco troviamo tre donne: l’avvocato Patrizia Albani che ha una lunga esperienza anche nel settore finanziario; Elena Biffi, esperta di tematiche finanziario-assicurative, che è attuale commissario liquidatore di La Concordia S.p.A.e che ha avuto in pasato cariche nelle compagnie assicurative del gruppo Medionanum; terza donna è Maria Chiara Malaguti, docente di diritto internazionale alla Cattolica.

Il membro di cda più giovane è invece Gianmarco Montanari, 47 anni, che è anche direttore generale dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova ed ex city manager della città di Torino. Chiude la rosa dei consiglieri Maurizio Santacroce, classe 1971, manager che ricopre altre cariche in società del settore digitale.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, BlackRock è il primo azionista

Fineco è tutta del mercato

Pensioni integrative in stile Fineco

Foti (Fineco): “In autunno grandi novità per i nostri consulenti”

Fineco, gli afflussi tengono duro

Fineco, un altro boccone di BlackRock

Fineco, mezzo miliardo di raccolta ad aprile

Consulenti, quelli di Fineco potranno dividersi i clienti

Fineco, gli incentivi ai “magnifici” 10 consulenti

Fineco, raccolta con sprint anche a febbraio

Il triplete di Foti e l’onore di Fineco

Fineco, gennaio positivo grazie ai consulenti

Foti (Fineco): “Le nostre strategie per il 2019”

Fineco, un 2018 tutto in crescita

Fineco, arriva la svolta sui fondi passivi

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

Foti (Fineco): “Così cresciamo e cresceremo con la nostra rete”

Fineco, semestre con il turbo

Fineco, corre la raccolta nel trimestre

Fineco, il futuro è private

Fineco, Foti tra i big manager d’Europa

Prodotti guidati, benzina per la raccolta di Foti

Foti (Fineco): “Così cambieranno il risparmio e la consulenza”

BLUERATING in edicola: Fineco e la grande opportunità di Mifid 2

Fineco, 200 milioni da UniCredit

Consulenti, Fineco taglia le commissioni

Foti (Fineco): “Vi presento Fineco Asset Management”

Fineco, dicembre (quasi) miliardario

Mifid 2, Foti: “Serve più efficienza”

Fineco, convention a Milano per gli area manager

Fineco, a novembre la raccolta cresce a doppia cifra

Fineco si scatena nel gestito

Foti (Fineco): “Così crescerà la nostra rete”

Ti può anche interessare

Schroders, riparte il Roadshow “Let’s Talk”

Riprenderà da Verona il prossimo 17 settembre il Roadshow di Schroders “Let’s Talk – Innovazi ...

Aim, le matricole scalpitano

Il mondo delle pmi italiane è in fermento nell’attesa di nuove quotazioni targate Aim.  Sono ...

Investimenti, il miraggio del 3%

Momento critico per chi ambisce ad ottenere dal mercato obbligazionario almeno un rendimento del 3%. ...