Guerra dei dazi, tregua di Trump sulle auto

A
A
A

Donald Trump avrebbe deciso di far slittare la decisione sulle tariffe sulle auto di sei mesi. L’annuncio era deciso per sabato 18 maggio.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena16 maggio 2019 | 11:01

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe deciso di far slittare la decisione sulle tariffe sulle auto di sei mesi. L’annuncio era deciso per sabato 18 maggio ed è stato confermato da fonti dell’amministrazione ad alcune testate giornalistiche americane. General Motors Co, Volkswagen AG, Toyota Motor Corp e altri hanno già allertato sugli impatti dannosi dall’imposizione di tariffe fino al 25% sulle auto.

Il termine del 18 maggio nasce dai 90 giorni che Trump aveva per decidere dopo che a febbraio il dipartimento del Commercio Usa aveva presentato al presidente americano un rapporto su una presunta minaccia alla sicurezza nazionale nel settore automobilistico derivante dalle importazioni di vetture dall’estero. La Casa Bianca è attualmente impegnata in un dialogo per ottenere accordi commerciali con l’Ue e il Giappone.

La nuova tregua è stata accolta positivamente dalle Borse. Dopo le indiscrezioni sui dazi Usa hanno invertito la rotta le Fca e le Ferrari spingendo al rialzo le Exor (+1%). Del resto il settore auto europeo alla fine ha vantato la performance migliore, con un progresso del 2%.


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, Pechino va al contrattacco sui T-bond

Dazi: la guerra che ammazza Wall Street

Guerra dei dazi, la Cina al contropiede

Ti può anche interessare

Il grande crollo dei gestori

Si è soliti ritenere che retailers ed automobiles dovranno affrontare i maggiori ostacoli per l’e ...

Borse‎, l’incertezza politica minaccia i listini mondiali

La politica traballa e rischi che ne conseguono sono una pistola carica puntata contro le borse mond ...

La Commissione Ue chiede la patrimoniale all’Italia

Bruxelles vorrebbe il ritorno della tassa sulla prima casa per i redditi più alti ...